TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Impegno Vitrociset per la navigazione satellitare

E-mail Stampa PDF

Satellite Esa integralL'azienda italiana ha firmato un contratto di collaborazione con l'agenzia GSA e si impegna per i prossimi quattro anni a individuare i siti per il posizionamento del sistema di navigazione Egnos V3.


Vitrociset – gruppo privato specializzato in tecnologie dell'informazione, della comunicazione e della logistica – ha sottoscritto un contratto quadro con GSA, l'Agenzia del GNSS europeo (Global Navigation Satellite System) responsabile di controllare gli interessi pubblici all'interno dei programmi di navigazione satellitare e della gestione dei fondi ad essi destinati.
La società con sede a Roma, attraverso la controllata Vitrociset Belgium, si occuperà della fornitura di site survey (studio del luogo), ossia lo studio e l'individuazione di tutti quei luoghi che potenzialmente potranno ospitare la versione 3 del sistema di navigazione europeo EGNOS (utilizzato e gestito dall'agenzia GSA).
Il contratto, del valore di 1,5 milioni di euro, prevede una fase iniziale di una durata di dodici mesi di ispezione di tutti i siti, per poi con il supporto di Thales Alenia Space France e Telespazio stabilire – in un lasso di tempo di circa quattro anni – una adeguata verifica inerente alle infrastrutture e all'ambiente elettromagnetico in grado di accogliere le stazioni di terra EGNOS V3.
EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay System) è un sistema geostazionario europeo di navigazione e sovrapposizione costituito da una serie di satelliti e basi terrestri che incrementano e supportano i dati del sistema GPS (Global Positioning System). La sua funzione principale è quella del geo-posizionamento ad alta precisione, infatti, secondo i tecnici, è in grado di localizzare un oggetto o una persona in un area di incertezza non superiore al metro.
Il sistema è costituito da due centri di controllo e da una rete di circa quaranta stazioni a terra tra Europa e nord Africa. La versione V3 rappresenterà un'evoluzione rispetto al passato, poiché sarà in grado di utilizzare non solo il segnale GPS, ma anche il segnale Galileo, il nuovo sistema di navigazione satellitare europeo che inizierà a funzionare nel 2017.

Davide Debernardi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1580

Camionsfera TV

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed