TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Sec multa Goodyear per corruzione in Africa

E-mail Stampa PDF

L'Autorità statunitense sulla regolarità delle operazioni in Borsa – la Securities and Exchange Commission – ha comminato una sanzione di sedici milioni di dollari al produttore di pneumatici perché il pagamento di alcune tangenti in Kenya e Angola ha violato la legge anticorruzione.


Goodyear produzione nastro pneumaticiSecondo la Sec, non solamente il quartier generale della Goodyear, che è negli Stati Uniti, non ha prevenuto o impedito il pagamento delle tangenti attuato dalle sue filiali africane, ma l'avrebbe inserito in contabilità come spesa e quindi consolidato nel bilancio del Gruppo. Le bustarelle ammontano a 3,2 milioni di dollari e sono state consegnate per ben quattro anni a dipendenti di società private o di enti pubblici.
"Le aziende quotate devono tenere registrazioni contabili accurate e condurre controlli di conformità. Il lassismo di Goodyear ha consentito pagamenti illeciti da parte di società controllate in Africa, che sono state nascoste nei loro libri contabili", commenta Scott W. Friestad, direttore associato SEC. "Con questo accordo Goodyear perderà tutti i profitti illeciti ottenuti tramite tangenti pagate a funzionari stranieri e dipendenti di aziende in Angola e Kenya". La Sec precisa che Goodyear ha accettato la sanzione.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2670

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca