TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Francia conferma norme sul distacco autisti

E-mail Stampa PDF

A poche ore dall'approvazione dell'accordo del Lussemburgo sul distacco internazionale, la ministra dei Trasporti francese dichiara che la normativa francese resta in vigore. Reazioni diverse dell'autotrasporto.


Autista volante traffico notteGià nella mattina del 24 ottobre 2017, a poche ore dall'approvazione da parte dei ministri del Lavoro della UE della riforma sul distacco internazionale, la ministra francese dei Trasporti Elisabeth Borne ha voluto precisare che per ora nulla cambia sull'applicazione del salario minimo per gli autisti stranieri e sul contrasto al dumping sociale. Lo ha fatto in un'intervista rilasciata di prima mattina all'emittente France Inter, difendendo l'accordo firmato in Lussemburgo.
Secondo Borne, l'accordo contribuisce a difendere i diritti dei lavoratori francesi, anche se ha precisato che la Francia si è opposta a escludere dalla riforma l'autotrasporto (come è accaduto). "La discussione proseguirà nelle prossime riunioni dei ministri dei Trasporti per definire le condizioni specifiche di applicazione della riforma all'autotrasporto, ma confermo che il trasporto stradale sarà compreso nella nuova Direttiva sul distacco internazionale e che continueremo ad applicare la Legge francese".
Ma l'associazione francese delle piccole e medie imprese di autotrasporto Otre non è così ottimista e già da stamane sta attaccando l'intesa del Lussemburgo, definendola "scandalosa". L'associazione "denuncia con forza questo mezzo accordo". Secondo l'Otre, "l'autotrasporto francese e i suoi lavoratori sono sacrificati agli interessi del Paesi dell'Europa centrale, Polonia in testa, e della Spagna". L'associazione prosegue affermando che "la posizione francese si trova così indebolita nel pieno della trattativa sul Pacchetto Mobilità". Al termine della nota, l'Otre chiede la conferma delle norme francesi, che come abbiamo visto è stata data dalla ministra dei Trasporti.
Le altri associazioni degli autotrasportatori francesi, la Fntr e la Tlf, hanno una posizione più moderata: "Aspettando eventuali disposizioni specifiche è imperativo che il Governo francese verifichi che gli autisti stranieri siano pagati come quelli francesi quando svolgono un trasporto internazionale o attività di cabotaggio in Francia", dichiarano in modo congiunto Jean-Christophe Pic, presidente di FNTR, e Yves Fargues, presidente di TLF.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 2340

Camionsfera TV

Banner Trasporto Online 180x250 marzo 2016

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed