TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Sentenza della Corte Europea sul distacco transnazionale

E-mail Stampa PDF

Il Tribunale comunitario ha emesso una sentenza il 12 febbraio 2015 sorta da un causa avviata in Finlandia sul distacco internazionale di lavoratori, avviata da un sindacato e una società polacca. Conferma la validità della normativa del Paese ospitante.


Autista barba bianca volantePur non essendo sorta nell'ambito dell'autotrasporto, questa sentenza della Corte Europea è importante perché riguarda in generale le norme sul distacco internazionale dei lavoratori. In questo caso, la controversia riguarda la società polacca Esa, che ha una filiale in Finlandia e che ha distaccato nel Paese scandinavo 186 lavoratori polacchi per alcuni lavori in una centrale nucleare. Il sindacato contesta all'azienda di non avere pagato a questi lavoratori alcune componenti del salario minimo, come prescrive la normativa finlandese. Perciò, il sindacato ha chiesto alla Esa il versamento di oltre sei milioni di euro.
Durante la causa, il giudice finlandese ha sospeso il giudizio perché ha voluto inviare alla Corte Europea alcuni quesiti relativi alla differenza di normativa tra Finlandia e Polonia. I giudici europei hanno risposto affermando che il sindacato finlandese ha piena legittimità di avviare la causa contro l'Esa, anche nelle fattispecie non previste dal contratto polacco. Poi hanno ribadito che sulle questioni salariali vale la normativa del Paese che ospita i lavoratori distaccati, "qualunque sia la legislazione applicabile al rapporto di lavoro".
La Corte si è soffermata sulla legittimità di applicare la normativa finlandese ai tutti i componenti del salario minimo dei lavoratori, alcuni dei quali non sono previsti dalle norme polacche. I giudici hanno precisato che vale la legislazione del Paese ospitante, ricordando però che in una sentenza precedente aveva stabilito che maggiorazioni o supplementi che non sono riconosciuti dalla normativa del Paese ospitante non si possono considerare componenti del salario minimo.
La sentenza afferma che "il salario minimo calcolato facendo riferimento ai contratti collettivi pertinenti non può dipendere dalla libera scelta del datore di lavoro che distacca alcuni dipendenti al solo fine di proporre un costo del lavoro minore rispetto a quello dei lavoratori locali". Non solo, ma si applicano le norme del Paese ospitante anche per quanto riguarda l'inquadramento dei lavoratori in gruppi retributivi, a meno che esse non siano più favorevoli al lavoratore nel Paese di origine.
CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: SENTENZA DEL 12 FEBBRAIO 2015 SUL DISTACCO INTERNAZIONALE DEI LAVORATORI

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 4774

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed