TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Autotrasportatore non paga autostrada 78 volte

E-mail Stampa PDF

Alla fine di agosto 2019, la Polizia Stradale di Gorizia ha fermato un padroncino rumeno che non ha pagato pedaggi autostradali per oltre 16mila euro. Tra le sanzioni anche il divieto alla guida di camion per un anno. Recentemente scoperto anche un autotrasportatore tedesco.


Polizia Stradale pattuglie camionPer arginare l'evasione dei pedaggi autostradali, le società concessionarie hanno stretto accordi con la Polstrada grazie ai quali le pattuglie accedono alla lista dei veicoli che non hanno pagato. Con questa lista, gli agenti possono fermare uno dei questi automezzi se lo incrociano sull'autostrada per contestargli il mancato pagamento. Il 22 agosto è successo a un autotrasportatore rumeno, che nella lista nera di Autovie Venete risultava non avere pagato ben 78 passaggi, per un'evasione complessiva di 16.220 euro. L'autista, che è lo stesso proprietario dell'autoarticolato, ha usato il "trenino", ossia un sistema diventato ormai classico: transitare nella corsia riservata al Telepass incollato a un altro veicolo, sfruttando così il suo pedaggio. Dopo avere individuato e fermato il camion a Villesse, gli agenti hanno potuto contestare solo i mancati pagamenti degli ultimi dodici mesi, ossia tredici violazioni: l'autotrasportatore dovrà pagarle, oltre a una multa di 900 euro. Ma forse il danno maggiore viene dalle sanzioni accessorie: segnalazione alla Prefettura, divieto della guida di veicoli industriali per un anno e sottrazione (teorica) di 26 punti dalla patente.
Poche settimane fa sempre sulla rete di Autovie Venete con il sistema della lista nera la Polstrada fermò un autoarticolato di un'azienda tedesca, che aveva usato un altro sistema per frodare: passava regolarmente dichiarando però di non poter pagare. Ma quando arrivava il sollecito nella sede dell'impresa, questa non pagava, approfittando delle difficoltà a riscuotere un debito all'estero. Quando gli agenti hanno contestato all'autista, che anche in questo caso è il proprietario del veicolo, i mancati pagamenti è rimasto sorpreso. Poi, ricostruendo le date dei viaggi, ha scoperto che in quelle occasioni il veicolo era guidato dal genero, che intascava così i soldi destinati alle autostrade italiane. La società Autovie Venete registra 105.311 mancati pagamenti nel 2017, con una somma totale di 679.712 euro e il 65% delle frodi è causata da veicoli con targa estera.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1419

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed