TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Due condanne per calamita sul cronotachigrafo

E-mail Stampa PDF

Il Tribunale di Caltanissetta ha condannato a sette e otto anni di carcere i dirigenti dell'azienda di autotrasporto Ciam perché hanno costretto gli autisti ad alterare il cronotachigrafo per non rispettare i tempi di guida e di riposo.


Polizia penitenziaria autoHa avuto la mano pesante il giudice di Caltanissetta che il 14 maggio ha letto la sentenza di primo grado al processo contro Angelo Calì e Calogero Lombardo, rispettivamente presidente e consigliere di amministrazione della Ciam, azienda di autotrasporto internazionale siciliana che ora è in liquidazione: il primo è stato condannato a otto anni e quattro mesi, il secondo a sette anni e sei mesi. Il reato contestato è l'estorsione nei confronti di alcuni autisti, mentre i due imputati sono stati assolti dal reato di lesioni gravissime per un incidente stradale dove è stato coinvolto un autista che aveva superato le ore di guida, a causa della prescrizione. Il giudice Francesco Giovanni D'Arrigo ha accolto quasi completamente la richiesta del pubblico ministero Massimo Trifirò, che aveva chiesto una condanna di otto anni, mentre la difesa aveva chiesto l'assoluzione perché il fatto costituisce reato o non sussisteva.
La storia di questo processo inizia nel 2008, quando un camion della Ciam si ribaltò in Francia, causando il ferimento del suo autista. Questo evento avviò la prima denuncia contro l'azienda di autotrasporto presentata dallo stesso autista che subì l'incidente, perché il fatto sarebbe stato causato dalla stanchezza. Anche questo caso è finito in Tribunale, ma è intervenuta la prescrizione. Però ha innescato altre denunce contro i due imprenditori, accusati d'imporre agli autisti l'uso della calamita sul cronotachigrafo per alterare i dati sui tempi di guida. Così, nel 2012 la Polizia Stradale annunciò l'esito dell'operazione Calamita, che porto all'arresto di Calì e Lombardo con le accuse di attentato alla sicurezza dei trasporti, estorsione aggravata e lesioni personali gravissime. Durante l'operazione, la Procura sequestrò alcuni camion dell'azienda e trovò quattro calamite nella tasca di un dipendente. Dall'indagine emerse che gli autisti guidavano anche per dieci ore senza il regolare riposo e che erano costretti a usare la calamita con la minaccia del licenziamento.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1395

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed