TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Doppio tarocco su cronotachigrafo e AdBlue

E-mail Stampa PDF

All'inizio Polizia stradale auto computer Police Controllerdi aprile 2019, una pattuglia della Polizia Stradale di Cremona ha fermato un veicolo industriale scoprendo la manomissione sia dell'apparecchio che registra il tempo di guida, sia del sistema che abbatte gli ossidi d'azoto.


La Polstrada cremonese ha fermato il camion durante controlli mirati sull'autotrasporto ha fermato un autoarticolato e durante l'analisi dei dati del cronotachigrafo ha rilevato alcune incongruenze che hanno portato gli agenti a compiere una verifica tecnica dell'apparecchio, scoprendo un sistema per alterare la registrazione dei tempi di guida e di riposo tramite un'azione meccanica. Ma questa non era l'unica manomissione del veicolo, perché nella perquisizione della cabina gli agenti hanno trovato anche una centralina elettronica che simula l'uso dell'additivo AdBlue anche se la sostanza non viene effettivamente usata. In questo modo, non si attiva la funzione che limita in modo automatico le prestazioni del camion se i gas di scarico non sono irrorati di additivo, per abbattere le emissioni di ossidi di azoto. La Polstrada ha sequestrato le apparecchiature e, oltre alla multa, ha denunciato il conducente.
Sempre all'inizio di aprile, la Polstrada di Cremona ha fermato un altro veicolo industriale che trasportava rottami ferrosi in modo abusivo, perché l'impresa di autotrasporto risulta sospesa dall'Albo Nazionale Gestori Ambientali. Il veicolo è stato fermato sulle strade cittadine durante la stessa campagna di controllo dell'autotrasporto del caso precedente. Oltre alla sanzione amministrativa, il conducente è stato denunciato per la violazione delle norme in materia di gestione e trasporto di rifiuti e trasporto e il veicolo utilizzato è stato sottoposto a fermo amministrativo per dodici mesi.
Per quanto riguarda la manomissione dell'AdBlue, all'inizio di aprile ne è stata scoperta un'altra anche dalla Polizia Stradale di Siena su un veicolo industriale fermato a Colle Val d'Elsa che trasportava prodotti ortofrutticoli. Controllando la cabina, gli agenti hanno visto una centralina elettronica che secondo l'autista, un uomo di 53 di Ferrara, sarebbe stato un rilevatore Gps. Ma gli agenti non hanno abboccato, scoprendo che l'apparecchio era un simulatore di AdBlue. La sanzione è stata di 500 euro, ma il danno maggiore è il fermo del veicolo fino a nuova revisione. La stessa stazione della Polstrada aveva scoperto una violazione analoga pochi giorni prima.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1882

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed