TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Incentivi per assunzione di autisti neopatentati

E-mail Stampa PDF

La Finanziaria 2019 introduce un contributo per i giovani fino a 35 anni che hanno seguito un corso per conseguire la patente superiore, ma dovranno prima essere assunti da un'impresa di autotrasporto.


Autista volante esternoIl provvedimento approvato nella Finanziaria 2019 rappresenta una sorta di continuazione del contributo fornito nel biennio precedente dall'Albo degli Autotrasportatori ai giovani che intendono conseguire una parente superiore e ha lo scopo di affrontare la carenza di camionisti che sta colpendo l'Italia. Ma la norma della Finanziaria, che eroga 40 milioni per il 2019 e 2020, ha una procedura diversa da quella dell'Albo, perché pone come condizione per erogare il contributo l'assunzione in un'azienda di autotrasporto e impone un'età massima di 35 anni per il conducente (che devono essere compiuti entro il 1° gennaio 2019).
Per ottenere il contributo, per prima cosa l'aspirante camionista deve seguire e pagare un corso per conseguire la patente e il Certificato di qualificazione professionale, ottenendo dall'ente di formazione la documentazione relativa al pagamento. Il passo successivo è farsi assumere con contratto a tempo indeterminato da un'impresa iscritta all'Albo degli Autotrasportatori e al Registro Elettronico Nazionale. Ma l'assunzione deve avvenire nell'ambito delle qualifiche Q1, Q2 e Q3 del Contratto Nazionale Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni.
A questo punto, il neo-autista ha diritto al rimborso di metà delle spese sostenute (e documentate) per ottenere patenti e Cqc, ma non riceverà direttamente la somma dallo Stato, bensì dall'azienda che lo ha assunto, che a sua volta sarà rimborsata dallo Stato tramite un detrazione dell'imposta sul reddito (Ires). Ma in questo caso, la Legge pone un limite di 1500 euro per ciascun periodo d'imposta. Per conoscere le modalità per chiedere ed erogare il contributo, bisogna attendere un provvedimento attuativo del ministero del Lavoro.
Le associazioni dell'autotrasporto hanno accolto con favore questo provvedimento, anche se qualcuna ha criticato il modo di attuazione. Secondo Conftrasporto, la norma è "apprezzabile nello spirito, ma contorta nella sua applicazione e certamente limitata nei fatti", mentre Confartigianato Trasporti ritiene che "il complesso problema della mancanza di conducenti potrà essere definitivamente risolto soltanto con l'equo riconoscimento ai vettori del prezzo del trasporto e del suo certo"tempo di pagamento da parte di committenti".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2672

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed