Unasca e Astre Italia alleati per formare autisti

Stampa

Il network di autotrasporto Astre Italia e l'Unione nazionale autoscuole studi di consulenza automobilistica hanno avviato una collaborazione per favorire l'incontro fra domanda e offerta di personale qualificato in un momento in cui la carenza di autisti sta diventando sempre più una criticità sul mercato.


Astre camion ribaltaQuesto accordo vuole attivare percorsi professionali adeguati a neo-patentati professionali e agevolarne il loro collocamento lavorativo presso le aziende associate ad Astre. Unasca, da parte sua, cercherà di convogliare verso le aziende del network risorse umane qualificate e per questo le due aziende si impegnano all'organizzazione di iniziative congiunte indirizzate ai giovani interessati a intraprendere un percorso professionale nell'autotrasporto. "Il settore dei trasporti e della logistica affronta da tempo un serio problema di reperimento di personale viaggiante, non solo in Italia, ma anche in Europa dove la situazione è ancor più grave ad esempio in Francia e in Germania. Tramite questa collaborazione strategica vogliamo offrire alle aziende nostre associate, che attualmente danno lavoro a circa duemila autisti solo in Italia, uno strumento concreto per reperire risorse umane qualificate sul mercato", spiega Giuseppe Curcio, presidente di Astre Italia.
Emilio Patella, segretario nazionale di Unasca, ha aggiunto che "dal 2006 si è assistito in Italia a una caduta verticale di tutte le patenti professionali e nel 2017 la patenti C conseguita sono state circa 13 mila". Patella precisa che "la professione di autista nel trasporto merci è oggi uno sbocco occupazionale sicuro, ma ancora poco conosciuto dai giovani, e spesso le aziende di autotrasporto sono costrette a rinunciare a delle commesse per carenza di personale qualificato da impiegare. Per questo sensibilizzeremo sul tema anche i giovani che si recano nelle nostre autoscuole per conseguire la patente B. Quella del conducente di camion è una professione moderna, che oggi richiede competenze specifiche: si guidano veicoli all'avanguardia per tecnologia ed elettronica, in continuo aggiornamento".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!



Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: