TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Arcese perde causa contro 49 autisti

E-mail Stampa PDF

Il 12 gennaio 2018, il Giudice del lavoro di Rovereto ha emesso la sentenza sul ricorso contro 49 licenziamenti attuati il 23 luglio 2015 dalla Arcese Trasporti.


Giudice Martelletto Fotolia 71240213 XSLa vicenda iniziò a dicembre 2014, quando la società di trasporto trentina raggiunse un accordo con i sindacati confederali per mettere in cassa integrazione per cinque mesi e poi licenziare 49 autisti, sostenendo che aveva necessità di ridurre il personale per una riduzione del fatturato di 40 milioni dal 2009 al 2012. I dipendenti hanno però presentato ricorso, sostenuti dai sindacati autonomi Sbm e Confederazione Cobas. A maggio 2016 è iniziata la causa e si è conclusa il 12 gennaio 2018 con la lettura delle sentenza.
Durante la causa, il giudice Michele Cuccaro ha nominato un consulente tecnico per analizzare la situazione economica dell'azienda con lo scopo di verificare le dichiarazioni aziendali. Le sue conclusioni sono riportate nella sentenza: dal 2009 al 2012, scrive il giudice, l'azienda ha registrato "una significativa crescita del fatturato", mentre il risultato finale negativo si rileva solo nel 2009 e 2010. Inoltre, "i dati relativi ad una perdita di quasi 800mila euro della BU FTL al giugno 2014 e ad una perdita gestionale di 2,5 milioni della BU FTL 2014 trovano riscontro unicamente in documenti aziendali interni inizialmente non prodotti, non verificabili in modo oggettivo da parte di soggetti esterni all'azienda o attraverso il confronto con il bilancio civilistico e, per di più, riportanti dati riferibili anche alle società trazioniste slovacca, polacca e rumena".
Il giudice ha quindi ritenuto illegittima la procedura di mobilità firmata dall'azienda e dai sindacati confederali e ha condannato Arcese Trasporti a risarcire ogni autista licenziato con venti mesi di mensilità, oltre a pagare le spese della perizia tecnica e della causa. Però, il giudice non ha imposto la loro reintegrazione, come avevano chiesto i ricorrenti, a causa della Legge Fornero. Per tale motivo, gli avvocati degli autisti hanno annunciato un ricorso in Appello.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 4834

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed