TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Stallo nella vertenza dei camionisti francesi

E-mail Stampa PDF

La prima settimana di sciopero indetto da CGT e FO non ha paralizzato il Paese, ma ha portato disagi locali. Primo incontro con il Governo senza risultati concreti.


Francia sciopero camionisti 2017 raffineriaIl Francia si discute sulla concreta incidenza dei primi cinque giorni di sciopero degli addetti all'autotrasporto indetto dai due principali sindacati del settore, la CGT e FO, contro la riforma del lavoro, che nel frattempo è stata firmata dal presidente Macron. Il Governo ha attuato fin dalla notte tra domenica e lunedì una strategia di contrasto senza compromessi, facendo presidiare dal un ingente schieramento di Polizia le raffinerie, i depositi di carburante e i principali nodi logistici e stradali. In alcuni casi questa strategia è servita a consentire il passaggio dei veicoli pesanti, in altri i manifestanti hanno fermato o rallentato la circolazione con blocchi filtranti e camion lumaca.
Comunque, i risultati sono molto lontani da quelli degli scioperi del 1992 e del 2002, che riuscirono a paralizzare la Francia in pochi giorni. Non è chiaro se l'attenuazione delle conseguenze dello sciopero sia dovuta a una decisione dei sindacati di non premere molto sull'acceleratore, alle misure di Polizia oppure a un reale indebolimento della categoria degli autisti, a causa dei profondi mutamenti avvenuti negli ultimi anni nell'autotrasporto.
Giovedì 28 settembre 2017 la ministra dei Trasporti francese, Elisabeth Borne, ha ricevuto i rappresentati dei sindacati e delle associazioni delle imprese di autotrasporto per trovare una soluzione. Alla vigilia dell'incontro, i sindacati avevano minacciato un'intensificazione dello sciopero. Le cinque sigle sindacali presenti (CFDT, CGT, FO, CFTC, CFE-CGC) hanno ribadito l'opposizione alla riforma del lavoro che danneggerebbe anche gli autisti, mentre le associazioni delle imprese sostengono che ciò non sia vero.
La riunione è durata cinque ore ma non ha prodotto risultati concreti, così le parti hanno deciso di rivedersi il 4 ottobre. Nel frattempo, i sindacati hanno deciso diverse azioni. La CGT vuole consultare la base per decidere se riprendere lo sciopero, mentre FO ha lanciato un appello a continuarlo. CFDT e CFTC, che non aderiscono all'attuale protesta, minacciano un loro sciopero dal 10 ottobre.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto CGT
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1616

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed