TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Iveco Eurocargo adotta il Tector Euro 6

E-mail Stampa PDF

Iveco Eurocargo Euro6 stradaIl marchio torinese ha presentato la nuova serie di motori Euro 6 per la gamma di veicoli industriali medi, progettata da FPT Industrial. I nuovi Tector 5 e Tector 7 utilizzano il sistema HI-eSCR per l'abbattimento delle emissioni, senza la necessità di raffreddamento ausiliario. L'architettura del veicolo per ora non cambia.


Anche l'Iveco Eurocargo si adegua alla normativa Euro 6 - che diventerà obbligatoria dal 1° gennaio 2014 - montando una linea di propulsori rinnovata, ma senza cambiare cabina e autotelaio. Può farlo grazie alla tecnologia FPT Industrial HI-eSCR, che utilizza solamente il post trattamento degli ossidi d'azoto tramite urea, mantenendo quindi le dimensioni del propulsore all'interno degli spazi offerti dall'attuale autotelaio dell'Eurocargo.
I nuovi propulsori del medio Iveco sono denominati Tector 5 e Tector 7 e hanno, rispettivamente, quattro cilindri con cilindrata di 4,5litri e sei cilindri con cilindrata di 6,7 litri, superiore a quella dei modelli che sostituiscono. Il Tector 5 è tarato nelle potenze di 160 CV, 190 CV e 210 CV, mentre il Tector 7 offre potenze di 220 CV, 250 CV, 280 CV e 320 CV. Un'altra novità della catena cinematica dell'Eurocargo Euro 6 è il cambio automatizzato ZF a 12 rapporti, denominato Eurotronic e disponibile sui modelli che montano il Tector 7.
Le principali innovazioni rispetto ai precedenti Tector sono la maggiore cilindrata e l'utilizzo del sistema d'iniezione Common Rail HD di seconda generazione, che genera pressioni fino a 1600 bar, aumentando così la potenza e la coppia a bassi regimi. In concreto, la potenza del Tector 5 è aumentata del 13% e la coppia del 23% (raggiungendo il valore massimo di 750 Nm a 1400-1800 giri/min). Il Tector 7 ha una potenza superiore del 7% ed una coppia superiore del 5%, raggiungendo i 1100 Nm a 1250-1900 giri/min. La maggiore potenza massima del Tector 5 (210 CV) gli permette di sostituire il precedente Tector 6 Euro 5 da 220 CV, consentendo minori consumi a parità di prestazioni. Rispetto al Tector 6, anche il nuovo Tector 7 offre un vantaggio in termini di potenza, sviluppando 320 CV invece dei precedenti 300 CV.
L'altra importante innovazione di questi due motori è il sistema di post-trattamento dei gas di scarico, preso dall'ammiraglia Stralis. È l'ormai noto High Efficiency SCR (HI-eSCR), che consente di rispettare il limiti dell'Euro 6 usando il solo sistema SCR, quindi senza l'ingombrante apparato di ricircolo dei gas di scarico (EGR). Abbinato a tale sistema, l'Eurocargo Euro 6 utilizza una valvola di scarico a controllo elettronico, denominata tecnicamente Exhaust Flap, che rende più veloce l'aumento della temperatura del sistema SCR nella parte fredda del ciclo di emissioni per agevolare la riduzione degli ossidi d'azoto.
La catena cinematica dell'Eurocargo Euro 6 si completa con un'ampia scelta di cambi: sei manuali ZF a cinque, sei e nove rapporti; quattro automatizzati Eurotronic ZF a sei e dodici rapporti e tre automatici Allison a cinque rapporti. La novità è l'Eurotronic a dodici rapporti, che prema non era presente nella gamma media e che ora si può ordinare sui modelli con motore Tector 7 e massa complessiva da 12 a 19 tonnellate (anche sulle versioni rimorchianti). I cambi automatici Allison con convertitore di coppia sono disponibili sull'intera gamma 4x2.
Sull'Eurocargo, Iveco offre il sistema di controllo della stabilità Enhanced Vehicle Stability Control (EVSC), di serie sui modelli da 12 a 19 tonnellate e a richiesta su quelli da 6 a 10 tonnellate. Questo apparato elettronico agisce in caso di sovrasterzo, sottosterzo o improvvise deviazioni dalla traiettoria. Al primo accenno di sbandata, l'EVSC entra in funzione, regolando la potenza del motore e frenando le singole ruote con intensità diversa, in modo da stabilizzare l'assetto del veicolo. L'EVSC del nuovo Eurocargo Euro 6 può anche integrare a richiesta il dispositivo Hill Holder, che si utilizza per facilitare le partenze in salita.
La gamma Eurocargo comprende quattordici varianti con massa totale da 6 a 19 tonnellate, quindici passi (da 2790 a 6570 mm), tre tipi di cabine con due altezze di tetto, trazione 4x2 e 4x4. La versione a trazione integrale ha soluzioni specifiche per la protezione dell'autotelaio, come un paraurti in lamiera,i gradini di accesso retrattili e un riparo specifico per il radiatore.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter bisettimanale con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 6803

Camionsfera TV

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed