TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Nuovi motori Scania per la distribuzione

E-mail Stampa PDF

Il costruttore svedese presenta una serie di diesel Euro VI da sette litri dedicata alle applicazioni urbane, con potenze da 220, 250 e 280 CV. Tunnel ribassato nella cabina P.

Scania motore 6L 7litriLa nuova serie di motori da sette litri si affianca a quelle già presenti da nove, tredici e sedici litri, estendendo così la disponibilità di potenze per i veicoli industriali da 220 a 730 CV. I nuovi propulsori sono compatti e si adattano bene ai veicoli che operano in città per la distribuzione delle merci e per i servizi municipali, come la raccolta dei rifiuti. "Il peso contenuto e la riduzione significativa del consumo di carburante si sposano perfettamente con l'esigenza di trovare soluzioni di trasporto sostenibili tipiche delle città in forte espansione", spiega Henrik Eng, Product Director Urban di Scania Trucks.
La nuova serie da sette litri ha sei cilindri in linea e un turbocompressore a geometria fissa, usando solo la riduzione catalitica selettiva (SCR) per il post-trattamento dei gas di scarico, nel rispetto della normativa Euro VI. Basato su monoblocco Cummins, il motore ha un sistema di controllo interamente progettato da Scania, che s'integra con la catena cinematica automatizzata. Il costruttore svedese ha introdotto un centinaio di propri componenti, tra cui la campana del volano. Questa serie offre la massima coppia (tra 1000 e 1200 Nm secondo la potenza) a 1050 giri/min.
Rispetto al motore da nove litri, questo pesa 360 chili in meno, permettendo un guadagno in portata utile. "Prendiamo ad esempio un veicolo per la distribuzione che inizia la giornata con un peso lordo di 18 tonnellate, ma che dopo le prime consegne si è già ridotto a 10-12 tonnellate. In questo caso non serve un motore con prestazioni eccessivamente elevate, perchè secondo le nostre stime è possibile ridurre il consumo di carburante fino al dieci percento", precisa Eng.
L'introduzione di questo motore permette di ordinare una cabina della serie P con un tunnel più basso di 95 millimetri, grazie alla compattezza del propulsore. Ciò consente anche di avere gli stessi vani portaoggetti delle cabine G e varie possibilità nella disposizione degli spazi dietro i sedili. "Siamo convinti che questa opzione sarà apprezzata da molti clienti che guidano unicamente o parzialmente in un contesto urbano. I vantaggi sono sia di natura pratica, sia di una maggiore sensazione di spazio e ariosità, decisamente apprezzata per questi tipi di applicazioni", aggiunge Eng.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 2011

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed