TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Nuovi lubrificanti per camion Shell Rimula

E-mail Stampa PDF

Il produttore ha presentato a ottobre 2017 alcune novità nella gamma di oli motore per veicoli industriali, che aiuta a ridurre i costi d'esercizio per l'autotrasporto.


Shell lubrificante provette rimulaShell immette sul mercato italiano due nuovi lubrificanti per veicoli pesanti, denominati Shell Rimula R4 L e Shell Rimula R5 LE, entrambi conformi al nuovo standard CK-4 dell'American Petroleum Institute. Il produttore ha sperimentato questi oli su strada percorrendo 64 milioni di chilometri. La riformulazione dei lubrificanti permette, secondo Shell, di migliorare il controllo dell'ossidazione, la stabilità al taglio e il controllo del rilascio dell'aria (che risulta più rapido), oltre che la protezione anti-usura e il controllo dei depositi.
Un'altra importante novità della gamma è il Shell Rimula Ultra 5W-30, l'olio motore a bassa viscosità progettato per soddisfare le esigenze dei moderni veicoli a bassa emissione. Questo è è il primo lubrificante a soddisfare la specifica Scania LDF-4. "Dopo severi test su strada, il prodotto ha dimostrato di migliorare le prestazioni dei motori per autotrazione pesante di ultima generazione", afferma Shell in una nota. "L'olio ha garantito lo stesso intervallo di cambio e lo stesso consumo di lubrificante rispetto al prodotto che soddisfa la specifica Scania LDF-3 con viscosità 10W-40, ha contribuito a ridurre il consumo di carburante per un ulteriore 0,5% e a raddoppiare l'intervallo di cambio sui veicoli con filtro antiparticolato diesel. Shell Rimula Ultra 5W-30 LDF-4 è approvato per D13 e D9 da Euro 1 a Euro 6 e per motori a gas".
Shell ha anche illustrato i risultati i una ricerca sui costi inerenti ai lubrificanti. Secondo il produttore, le flotte dell'autotrasporto perdono l'opportunità di ridurre i costi d'esercizio a causa di una scarsa conoscenza sulla lubrificazione dei mezzi. "Nella sola America settentrionale, il settore dei trasporti potrebbe perdere potenziali risparmi per oltre 6,5 milioni di dollari", afferma la ricerca. "Le società di trasporto sostengono che oltre la metà dei guasti ai veicoli o dei fermi non programmati nell'ultimo triennio possono essere dovuti a errori nella scelta (55%) o nella gestione (53%) dei lubrificanti. Ne derivano costi notevoli: una società su tre (32%) stima che i tempi di fermo non pianificati abbiano comportato per l'azienda oneri pari o superiori a 100mila dollari, mentre una su cinque reputa che la somma potrebbe avere superato i 250mila dollari".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 928

Camionsfera TV

Banner Trasporto Online 180x250 marzo 2016

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed