TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Europarlamento approva raddoppio Nox nei diesel

E-mail Stampa PDF

Europa Parlamento aula Nella seduta plenaria di mercoledì 3 febbraio 2016, la maggioranza degli europarlamentari ha votato contro il veto alla proposta della commissione europea di aumentare fino al 110% i limiti delle emissioni di ossido d'azoto.


323 europarlamentari hanno votato contro il veto, approvando di fatto l'aumento dei limiti delle emissioni, mentre 317 a favore, con 61 astensioni. Così, il dieselgate di Volkswagen è entrato nell'aula del Parlamento Europeo con un provvedimento che favorisce i costruttori di autoveicoli. In questo modo si previene la possibilità che numerosi modelli di autoveicoli possano diventare improvvisamente fuorilegge quando l'Unione Europea adotterà i nuovi sistemi di misura, denominati Portable Emission Measurement Systems, che valuteranno le emissioni in reali situazioni operative, piuttosto che al banco.
Me nello stesso tempo, la votazione dell'Europarlamento svela la finzione finora attuata sull'inquinamento degli autoveicoli, soprattutto quelli con motore diesel, ammettendo non solo che le verifiche al banco sono inattendibili per quanto riguarda l'inquinamento reale, ma anche che lo sforamento dei valori di Nox non è limitato ad alcuni modelli del costruttore tedesco. Da questo punto di vista, la soluzione dell'Europarlamento è molto "italiana".
E il caso vuole che il presidente della Commissione Ambiente dell'Europarlamento sia proprio un italiano, Giovanni La Via. "Un'intensa trattativa è avvenuta con la Commissione Europea e con i rappresentanti dei Governi nazionali", ha spiegato La Via. "Abbiamo un chiaro impegno della Commissione Europea per una clausola di revisione con un preciso termine temporale, con lo scopo di ridurre i valori massimi delle emissioni a livelli che sono stati concordati dai co-legislatori. Una proposta per una riforma a lungo termine è in discussione, come richiesto dal Parlamento".
Dopo questo voto, la Commissione Europea procederà nell'attuazione del secondo pacchetto RDE, che è già stato approvato il 28 ottobre 2015 dal Comitato tecnico per gli autoveicoli (TCMV), che raccoglie esperti di varie nazioni, per le autovetture e i veicoli commerciali leggeri. Esso prevede due passi: nel primo, i costruttori dovranno contenere le differenze di emissioni di Nox entro un fattore 2,1 (ossia il 110%) per i nuovi modelli entro settembre 2017 (entro settembre 2019 per i nuovi veicoli immatricolati); nel secondo, la differenza calerà a un fattore 1,5 (50%) entro gennaio 2020 (gennaio 2021 per le nuove immatricolazioni). I valori di particolato non cambieranno.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1696

Camionsfera TV

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed