Nuove gru retrocabina Fassi della gamma leggera

Stampa

Il costruttore bergamasco svela i modelli F65B e F70B, che offrono un peso minore rispetto alle precedenti generazioni di pari prestazioni, ossia capacità di sollevamento tra 6 e 7 tonnellate/metro.


Fassi gru F70B 1L'innovazione che consente di ridurre il peso delle due nuove gru - con biella e forcella poste sul braccio secondario - è l'uso dell'acciaio alto ultra resistenziali UHSS, che alleggerisce le gru del nove percento rispetto all'attuale modello F65A.0. Ciò significa, in concreto, che i veicoli su cui saranno montate la F65B e F70B, ossia quelli con massa complessiva fino a 5 tonnellate, otterranno una maggiore portata utile. Inoltre, la nuova progettazione delle articolazioni principale e secondaria ha aumentato lo sbraccio idraulico del 9% nel modello F65B.1 rispetto a quello precedente, con sensibile aumento dell'area di lavoro.
Fassi dichiara che "i momenti di sollevamento di queste nuove gru relativamente allo sbraccio idraulico e al rapporto peso/potenza si collocano al di sopra delle prestazioni delle gru presenti sul mercato appartenenti a questa categoria". L'azienda aggiunge che i progettisti hanno posto molta attenzione anche alla riduzione dell'ingombro, ponendo il distributore sulla traversa in posizione verticale, rendendo più compatte le dimensioni del serbatoio dell'olio e disegnando una struttura più snella.
Un'altra innovazione portata a questi due modelli è la realizzazione modulare delle estensioni idrauliche, col fine di evitare interventi impegnativi nel caso in cui si voglia cambiare la configurazione delle traverse stabilizzatori. Il modello F65B.1 è proposto in abbinamento al sistema di controllo FX500 e nella versione e-dynamic con il radiocomando Fassi RCH/RCS.
Per tutti i modelli sono previste quattro versioni base fino a un massimo di quattro sfili idraulici. Il modello F70B.1 si pone a un livello superiore di classe di sollevamento, grazie all'abbinamento con il sistema XP. Le due nuove gru saranno disponibili da gennaio 2016.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!



Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: