TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confermate molte condanne per strage di Viareggio

E-mail Stampa PDF

Il 20 giugno 2018 la Corte d'Appello ha emesso la sentenza per il disastro ferroviario che nel 2009 causò la morte di trentadue persone. Tra le conferme della sentenza di primo grado spicca quella per l'ex amministratore delegato di Ferrovie dello Stato e Rfi, Mauro Moretti.


Viareggio incidente vvff1Secondo i giudici d'appello di Firenze, gran parte delle condanne comminate dai loro colleghi di primo grado è legittima, confermando così l'impianto accusatorio sulle responsabilità del grave incidente ferroviario di Viareggio, che nella notte del 29 giugno 2009 causò la morte di 32 cittadini di Viareggio per l'incendio di Gpl uscito da una ferro-cisterna sviata. Secondo l'accusa, la responsabilità dell'incidente ricade su chi possedeva le ferrocisterne e ne curava la manutenzione, ma anche sul gestore delle rete ferroviaria. Perciò, i giudici di Appello hanno confermato la condanna a sette anni emessa in primo grado a Lucca per Mauro Moretti, al tempo amministratore delegato di FS e di Rfi, a sei anni per Michele Mario Elia (anch'egli ex amministratore delegato di Rfi) e a Vincenzo Soprano (ex amministratore delegato di Trenitalia). Per questi dirigenti, il pubblico ministero dell'Appello aveva chiesto condanne superiori.
Altri imputati hanno lievi riduzioni in appello, mentre un imputato assolto in primo grado (Joachim Lehmann, supervisore presso l'Officina Jugenthal di Hannover) è stato condannato in secondo grado a sette anni e tre mesi. Altri stranieri, dipendenti o collaboratori della Jungenthal, di Gatx Rail Germania e di di Gatx Rail Austria hanno subito condanne tra sei e otto anni. Alcuni imputati hanno beneficiato della prescrizione avvenuta nel maggio 2018 per i reati d'incendio e lesioni plurime, sia con una riduzione della pena, sia con un'assoluzione. Precisiamo però che Moretti ha rinunciato alla prescrizione. I giudici d'Appello hanno confermato anche la parte della sentenza di primo grado che riguarda i risarcimenti alle parti civili.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1075

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed