TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tornano le locomotive a sei assi

E-mail Stampa PDF

Prodotte da Stadler per la società di leasing ELP, vantano due primati, la trazione ibrida (elettrica e diesel) e un innovativo carrello che elimina i problemi di usura sul binario tipici di queste macchine. Con il vantaggio di evitare le doppie composizioni.


Stadler locomotore EuroDual-ELPPotrebbe sembrare un ritorno al passato ma, a parte l'apparente controsenso, sono un ritorno al futuro. Perché l'ultima commessa assegnata al gruppo Stadler rappresenta quasi una svolta nel mondo ferroviario. Per due motivi: il primo è che si tratta di locomotive ibride, vale a dire a propulsione sia elettrica, sia termica (da non confondere con le versioni "ultimo miglio" adatte a manovrare autonomamente nei raccordi), ma soprattutto per il fatto di essere delle macchine a sei assi. Si tratta di un primo nucleo di dieci locomotive EuroDual all'interno di un contratto che prevede una fornitura fino a cento esemplari. Sono prodotte da Stadler Valencia, la divisione spagnola della svizzera Stadler per conto della società di leasing European Loc Pool (ELP).
Perché rappresentano una svolta? Fino in anni relativamente recenti erano molto comuni locomotive a sei assi utilizzate soprattutto nei treni merci perché garantivano una buona aderenza in particolare nella fase di avvio (senza slittate a quei tempi non compensate dalla regolazione elettronica della trazione) oltre a scaricare meglio la potenza generata dai motori, oltretutto allora non elevatissima. Il risvolto della medaglia era l'aggressività sui binari che portava a una maggiore usura delle rotaie e quindi a maggiori oneri di manutenzione. Sono tuttora in uso nella classica composizione tradizionale svizzera definita "a dieci assi", vale a dire con due locomotive a trazione multipla, una quattro assi accoppiata a una sei assi. Gli sviluppi dell'elettronica di potenza hanno favorito la definitiva supremazia di locomotori a quattro assi, ormai universali per tutti i servizi passeggeri e merci.
Il progetto ora messo a punto da Stadler rappresenta invece una svolta, perché il segreto consiste in un carrello innovativo che aiuta a ridurre al minimo l'usura dell'infrastruttura nonostante la presenza di carrelli con tre assi ciascuno. Il vantaggio maggiore è rappresentato dal fatto che su molti corridoi merci europei con tratte di montagna o comunque con treni con massa elevata, si rende indispensabile la doppia trazione con due macchine a quattro assi. La potente locomotiva Stradler con un favorevole sforzo di trazione dovuto ai sei assi rende possibile l'uso di una sola macchina riducendo in modo significativo i costi per le imprese ferroviarie. Le EuroDual hanno una potenza di 6,15 MW in trazione elettrica che si riduce a 2,8 MW in funzionamento diesel-elettrico. Possono operare sotto la catenaria sia a 15 sia a 25 kV a corrente alternata (la rete tedesca, austriaca e svizzera), oltre su linee non elettrificate grazie al motore diesel Caterpillar di discreta potenza. Sono equipaggiate con il sistema di segnalamento europeo Etcs e con radiocomando.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1163

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed