TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Trieste potenzierà le rotte per il Lussemburgo

E-mail Stampa PDF

Al transport logistic di Monaco, il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale ha firmato un memorandum d'intesa con il direttore del terminal CFL Multimodal.


Trieste porto gru trenoIl 5 giugno 2019, il presidente dell'Asp del Mare Adriatico Orientale, Zeno D'Agostino, e il direttore della società terminalistica CFL Multimodal controllata dalla ferrovia lussemburghese Cfl), Fraenz Benoy, hanno firmato un memorandum d'intesa per sviluppare i collegamenti ferroviari tra lo scalo giuliano e il Lussemburgo, considerato una porta per un'ampia regione dell'Europa centrale la Gran Bretagna e la Scandinavia. In particolare, sarà potenziato l'attuale collegamento fra Trieste e Bettembourg. Il servizio è nato nel 2012 e oggi ha una frequenza di nove circolazioni settimanali, spostando 20mila semirimorchi dalla strada alla rotaia. In una nota, l'Autorità portuale spiega che "il nuovo accordo si pone l'obiettivo di facilitare e incoraggiare ulteriormente, secondo il concetto della pipeline intermodale, la crescita e l'ottimizzazione dei collegamenti ferroviari lungo il corridoio Trieste-Bettembourg-Dudelange. Il fine è quello di sviluppare servizi caratterizzati da qualità e affidabilità ancora più elevate attraverso l'utilizzo di processi standardizzati e dematerializzati di interscambio dati e documentazione e lo sviluppo azioni commerciali comuni su specifici mercati obiettivo".
Inoltre, le parti s'impegnano a usare in modo condiviso soluzioni per caricare i semirimorchi sui carri senza gru e a sviluppare sinergie nell'ambito della Belt and Road. In quest'ultimo caso, il porto italiano e il terminal lussemburghese hanno già contatti con l'area di Chengdu, nella provincia cinese dello Sichuan. Dopo la firma, Zeno D'Agostino ha dichiarato: "Ho visitato di recente il terminal di Bettembourg e sono rimasto impressionato dalla qualità della piattaforma e dei modelli operativi anche sul lato dell'innovazione tecnologica. Lavorare assieme fra partner che condividono queste priorità significa puntare a definire nuovi standard di eccellenza a livello europeo per le connessioni nave-ferrovia".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 972

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed