TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

FuoriMuro lancia allarme su cantiere di Voltri Mare

E-mail Stampa PDF

La società ferroviaria che opera nel porto di Genova ammonisce che la continuità aziendale potrà essere compromessa dalle conseguenze della recente ri-pianificazione del cantiere nello scalo di Voltri Mare, che causa interruzioni di notte.


Fuorimuro locomotore stazione fntCapuzzoIl cambiamento di programma per i cantieri dello scalo ferroviario di Voltri Mare potrebbe interrompere l'attività di FuoriMuro Servizi Portuali e Ferroviari, che ha già ricevuto un duro colpo dall'interruzione della circolazione ferroviaria per cinquanta giorni lungo l'asse del Polcevera, causata dal crollo del ponte Morandi. Questo evento, secondo quando dichiara una nota emessa dalla società ferroviaria il 30 gennaio 2019, ha prodotto perdite per 600mila euro. "Il piano iniziale dei lavori prevedeva modalità di esecuzione che, pur limitando l'operatività ferroviaria, minimizzavano gli impatti negativi sulla circolazione e rappresentavano un compromesso sostenibile tra i disagi arrecati e i benefici attesi dal futuro potenziamento dello scalo cui gli interventi sono finalizzati" spiega Guido Porta, Ceo di FuoriMuro. Ma il programma originale è stato cambiato a causa del ritardo di circa un anno nell'avvio dei lavori unito alla necessità di rispettare la scadenza prevista per la consegna dell'opera, ossia dicembre 2019.
Dal 21 gennaio 2019, i cantieri operano tutte le notti della settimana (anziché la sola domenica), causando un impatto maggiore sulle manovre ferroviarie nel porto. Inoltre, tale cambiamento è stato annunciato a FuoriMuro poche settimane prima non è stata presa in considerazione nessuna delle proposte alternative presentate dalla società ferroviaria. Infine, i lavori prevedono la completa chiusura della linea per quindici giorni a ottobre, un mese di punta per i traffici portuali, mentre FuoriMuro ha chiesto di farlo in estate. Finora, la nuova programmazione ha causato un calo dei traffici del venti percento e tale situazione, se proseguirà sino alla fine dell'anno "metterà a forte rischio la sopravvivenza dell'azienda", scrive la società in una nota.
Ma non sarà solo FuoriMuro a risentire le conseguenze del fermo notturno, bensì l'intero trasporto ferroviario che fa capo al porto di Genova, causando un trasferimento di traffico dalla rotaia alla strada. Al termine della nota, FuoriMuro chiede a RFI e all'Autorità portuale di trovare una soluzione a tale problema. Anche i sindacati confederali hanno recentemente espresso preoccupazioni su FuoriMuro, dopo l'incontro avvenuto il 16 gennaio in Confindustria con la società ferroviaria. In questo caso, le tre sigle si sono preoccupate del buco di 600mila euro causato dal crollo del ponte Morandi.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1603

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed