TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Contship chiede risarcimento per incidente di Pioltello

E-mail Stampa PDF

Il gruppo che gestisce il terminal intermodale di Melzo vuole da rete Ferroviaria Italiana un rimborso sui mancati introiti conseguenti all'interruzione della linea causa dal grave incidente del 25 gennaio 2018.


Incidente Trenord pioltello gen 2018 fntVdFIl gruppo Contship Italia ha chiesto a Rete Ferroviaria Italiana i danni per i mancati introiti conseguenti all'interruzione della linea ferroviaria a seguito dell'incidente avvenuto a Pioltello lo scorso gennaio. È scritto nell'ultima trimestrale di Eurokai, il gruppo tedesco che controlla Contship, dove si legge che al peggioramento dei risultati finanziari nel primo trimestre dell'anno hanno contribuito anche le restrizioni operative di cui è rimasto vittima il terminal intermodale di Melzo (Milano Rail Hub) a seguito dell'incidente ferroviario accaduto a Pioltello il 25 gennaio. Per questi mancati introiti (si parla di alcuni milioni di euro) Contship Italia chiederà i danni a Rfi se effettivamente verrà accertato che il gestore della rete ferroviaria è il responsabile dell'incidente avvenuto per scarsa o errata manutenzione dei binari.
A inizio febbraio, dopo circa due settimane dall'incidente ferroviario di Pioltello, Contship Italia aveva inviato una nota dove denunciava che il terminal intermodale di Melzo risultava ancora bloccato, con impossibilità, per uno dei più attivi centri intermodali del nord Italia, di far entrare e uscire i treni nazionali e internazionali. "È auspicabile che tutti i soggetti coinvolti lavorino con maggiore rapidità per evitare ulteriori ricadute economiche negative sulle aziende e gli operatori privati, che così tanto hanno investito per il trasporto ferroviario delle merci e per il rilancio della competitività dei porti italiani verso i mercati d'oltre Alpe",» affermava Contship. Che poi aveva aggiunto: "Duole constatare che il tema del trasporto ferroviario delle merci in Italia, al di là del positivo cambio di passo impostato dal ministro Delrio con la cosiddetta cura del ferro, continui a scontare un problema di percezione e strategicità. Non solo per ciò che riguarda lo stato delle infrastrutture, ma anche per ciò che attiene agli impatti sull'ambiente e alle ricadute in termini di competitività delle merci. Competitività che un maggiore trasporto via ferro garantirebbe ai prodotti italiani e agli operatori che servono i mercati che non hanno accesso diretto ai porti nel centro Europa. Questo si evince dal fatto che dopo tredici giorni rimangono ancora fortemente penalizzati, se non completamente interdetti, i collegamenti dei treni merce nella linea oggetto di sequestro da parte della magistratura».

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1450

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed