TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

GTS Rail perde il primo round contro Trenitalia e Mercitalia

E-mail Stampa PDF

Il Tribunale di Roma ha respinto il ricorso della compagnia privata contro quelle pubbliche sulle assunzioni dei macchinisti.

Giudice Martelletto Fotolia 71240213 XSLa cosiddetta "guerra dei macchinisti" dei treni ha visto perdere in primo grado di giudizio l'impresa ferroviaria barese Gts Rail, che aveva avviato un'azione legale contro Trenitalia e Mercitalia. Lo si apprende da una nota pubblicata su TopLegal, che spiega come un'ordinanza emessa il 7 novembre 2017 dal Tribunale di Roma abbia integralmente rigettato il ricorso cautelare proposto dall'impresa ferroviaria barese contro Trenitalia, Mercitalia Rail e Ferrovie dello Stato Italiane, condannando la ricorrente al pagamento delle spese di lite.
Gts Rail sosteneva di avere subito condotte di concorrenza sleale, consistenti nella sottrazione di suoi macchinisti da parte delle società resistenti, che avrebbero agito sotto la regia della controllante Ferrovie dello Stato Italiane. Il Tribunale ha però dichiarato la piena liceità delle azioni di Trenitalia e Mercitalia Rail perché, tra l'altro, entrambe hanno riallocato il personale in esubero presso altre società del Gruppo prima di procedere a nuove assunzioni, che oltretutto sono state ripartite tra tutte le imprese ferroviarie operanti sul territorio nazionale. Inoltre, le assunzioni sono avvenute con procedure di selezione del personale considerate dai giudici trasparenti e imparziali.
Il Tribunale, inoltre, ha ritenuto assente il presupposto del fumus boni iuris, evidenziando che lo storno di alcuni macchinisti della società ricorrente da parte di Trenitalia e Mercitalia non costituisce atto di concorrenza sleale e rientra tra gli atti leciti di libera concorrenza tra imprese che operano in rapporto di competizione commerciale.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 2253

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed