TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Per la Cassazione l'autista non è trasfertista

E-mail Stampa PDF

UAutista Actros branda leggena sentenza a Sezioni Riunite della Cassazione stabilisce che il conducente di veicoli industriali non si può definire un trasfertista. Una decisione che interessa il trattamento fiscale della retribuzione.


La decisione riguarda soprattutto gli autisti che operano sul lungo raggio e che quindi lavorano lontano dalla sede dell'azienda di cui sono dipendenti. L'attuale legislazione definisce come trasferta un'assenza dall'abituale posto di lavoro superiore a sei ore, purché avvenga anche fuori dal territorio dove ha sede la postazione di lavoro. In questo caso, le somme erogate in regime di vantaggio subiscono un'imposizione fiscale se sono superiori a 46,48 euro al giorno, che diventano 77,47 euro per le trasferte all'estero.
La Legge 225/2016 impone tre criteri per inquadrare le retribuzioni erogate ai lavoratori definiti trasfertisti piuttosto che quelle di chi beneficia dell'indennità di trasferta (più favorevole): la mancata indicazione nel contratto e/o lettera di assunzione della sede di lavoro; lo svolgimento di un'attività lavorativa che richiede la continua mobilità del dipendente; la corresponsione al dipendente, in relazione allo svolgimento dell'attività lavorativa in luoghi variabili e diversi, di una indennità o maggiorazione di retribuzione in misura fissa, attribuiti senza distinguere se il dipendente si è effettivamente recato in trasferta e dove la stessa si è svolta.
Nell'autotrasporto, non sussiste la terza condizione, perché come spiega in una nota Assotir "il lavoratore otterrà la corresponsione di una indennità variabile, distinta in base al numero di ore passate in trasferta e comunque risulta collegata in modo assoluto alla concreta ed effettiva effettuazione della trasferta. Infatti verrà pagata solo per i giorni (o le ore) di effettiva assenza del lavoratore dal luogo di lavoro abituale". Una interpretazione che i giudici della Cassazione hanno confermato. Assotir afferma che con questa sentenza "la questione si può dire definitivamente risolta".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 20341

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed