TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Toyota ricarica carrelli risparmiando energia

E-mail Stampa PDF

La divisione logistica e movimentazione delle merci della Casa giapponese presenta una innovativa soluzione per la ricarica delle batterie dei propri carrelli elevatori, garantendo e certificando un risparmio energetico del quindici percento.


Toyota gamma elevatori transpalletKaizen è il termine giapponese che indica il miglioramento continuo ed è uno degli obiettivi di Toyota Material Handling Italia (24% del mercato nazionale), costantemente impegnata nella ricerca e sviluppo di una logistica economica e sostenibile. Dal mese di ottobre 2017, i possessori di carrelli elevatori nipponici potranno usufruire di un sistema di ricarica delle batterie ad alta efficienza energetica, fino al quindici percento di risparmio.
Questo è il risultato ottenuto dai tecnici di Toyota, che grazie alla collaborazione con la società Seaside, assicurano e certificano un dato rilevante per il cliente finale. Seaside è una ESCO (Energy Service Company) italiana con sede a Bologna, una società specializzata nel settore dell'efficienza energetica e in grado di operare su tutte le tematiche legate all'energia, dalle fonti rinnovabili al risparmio vero e proprio.
L'azienda, attraverso dei test, ha verificato quanto promesso da Toyota: risparmio del 15 percento – rispetto ad altre soluzioni presenti sul mercato – di energia durante il processo di ricarica del pacchetto batterie. Il passaggio successivo è stato certificare il risultato ottenuto grazie all'apporto di un ente esterno, che dopo aver analizzato il disciplinare e la metodologia ha confermato l'obiettivo raggiunto, rilasciando un marchio di garanzia denominato White Leaf (foglia bianca).
L'innovazione tecnologica ruota attorno a Savemixer, un software sviluppato da Seaside, che associa algoritmi e modelli di analisi dati, quantificando l'uso di energia. I clienti di Toyota potranno in qualsiasi momento verificare e rendicontare i risparmi conseguiti nel tempo. Infatti l'applicazione Savemixer è fornita in modalità cloud ed è sempre consultabile via web con una password personalizzata. Dopo aver scaricato i dati registrati durante l'utilizzo delle macchine, il software contabilizza i consumi sotto forma di rapporti grafici, consentendo all'azienda di individuare gli sprechi energetici normalmente non visibili e di intervenire di conseguenza, come, per esempio, sostituire il carrello rivelatosi inadatto al tipo di attività svolta dall'impresa.

Davide Debernardi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1461

Camionsfera TV

Banner Trasporto Online 180x250 marzo 2016

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed