TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

ADR 2009, manca il decreto

E-mail Stampa PDF
Il primo luglio dovrebbe entrare in vigore l'aggiornamento del regolamento sul trasporto stradale delle merci pericolose. Ma non è stato emanato il decreto attuativo.
Oggi scade la deroga dell'applicazione dell'ADR 2009 per i trasporti nazionali, concessa dallo stesso regolamento internazionale sul trasporto stradale delle merci pericolose. In teoria, quindi, le nuove norme dovrebbero essere obbligatorie anche nei trasporti all'interno dei confini italiani (per quelli internazionali, lo sono già dal primo gennaio 2009). Ma, in realtà, gli autotrasportatori possono continuare ad applicare l'ADR 2007 fino a quando il nuovo testo non sarà recepito nella normativa italiana, attraverso uno specifico decreto attuativo. Che non è ancora apparso sulla Gazzetta Ufficiale.

Non si conoscono ancora i motivi di questo ritardo, che può provocare una procedura di sanzione da parte dell'Unione Europea. È la prima volta che il decreto sull'aggiornamento dell'ADR non esce antro il termine stabilito per l'applicazione e nel 2007 era stato pubblicato perfino con largo anticipo. Lo stesso vale per il regolamento RID, relativo al trasporto ferroviario di merci pericolose, anch'esso aggiornato.

Leggi tutte le notizie su:
ADR 2009
SPECIALE: LE NOVITA' DELL'ADR 2009

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Letture:: 3810

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca