TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Conftrasporto vuole restituzione dei soldi del Sistri

E-mail Stampa PDF

Dopo l'annuncio della soppressione del sistema di tracciamento dei rifiuti, la confederazione del trasporto chiede la restituzione di quanto pagato dalle imprese di autotrasporto negli scorsi nove anni e delle spese per rimuovere le black box, minacciando una class action.


Volvo FM cisterna serbatoi uomoIl Consiglio dei ministri del 12 dicembre ha approvato il Decreto Semplificazione, che contiene anche la soppressione del Sistri dal 1° gennaio 2019, con la conseguente soppressione del pagamento del contributo da parte delle imprese di autotrasporto che operano nel trasporto dei rifiuti. Ma ciò non basta a Conftrasporto, che in una nota diffusa oggi chiede il rimborso sia dei costi sostenuti in passato, sia di quelli che le imprese dovranno affrontare per smontare dai loro veicoli i sistemi imposti dal Sistri. Solo per questa ultima attività, Conftrasporto stima un costo di mille euro a veicolo.
"Il Sistri era un sistema non funzionante, costoso, che si è voluto imporre alle imprese di autotrasporto da diversi anni", afferma il vice-presidente della confederazione, Paolo Uggè. "Sin dall'inizio, nel silenzio di chi non ne sopportava il costo come le imprese che utilizzavano gli autotrasportatori, Conftrasporto ne aveva richiesto una profonda revisione, mettendosi a disposizione per favorire un adeguato sistema di controllo che, senza penalizzare i vettori, combattesse i fenomeni di irregolarità e illegalità. I ministri competenti non sono mai intervenuti. Conftrasporto avviò anche azioni legali ottenendo sentenze favorevoli, tutte impugnate dal ministero dell'Ambiente che non ha mai voluto riconoscere i madornali errori commessi. Chiese anche, attraverso apposite interrogazioni parlamentari, l'intervento del ministero competente sempre ricevendo risposte evasive".
Anche se il Sistri non ha mai funzionato, le imprese hanno dovuto adempiere ai suoi obblighi, prosegue Uggè: "Erano obbligate a iscriversi a un Albo e a sostenere i costi per l'istallazione della cosiddetta scatola nera (Black box) nelle officine appositamente autorizzate. Solo l'ottusità di ministri poco a conoscenza di come funzionano i trasporti ha generato costi pesanti e solo per le imprese di autotrasporto italiano in quanto il sistema non poteva essere imposto agli operatori esteri". Uggè conclude dichiarando che "Senza ricevere le dovute risposte o dimostrazioni di disinteresse Conftrasporto si vedrà costretta ad avviare una class action o iniziative adeguate a tutela degli interessi delle imprese danneggiate".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1366

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed