TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

FuoriMuro diventa impresa ferroviaria

E-mail Stampa PDF

La compagnia ferroviaria nata per operare nel porto di Genova ha ordinato due locomotori Siemens Vectron per avviare collegamenti intermodali con il Rivalta Terminal Europa. Previsto in primavera il certificato di sicurezza e partenza nel porto con rotabili a noleggio.


FuoriMuro, la società titolare dei servizi di manovra ferroviaria nel porto di Genova, è ormai pronta a uscire dai confini delle banchine diventando operatore ferroviario a tutti gli effetti. Lo rende noto il presidente Guido Porta, che ha rivelato di aver avviato nuovi investimenti: «Abbiamo ordinato a Siemens due nuovi locomotori del modello Vectron che ci verranno consegnati a fine 2013. Nell’attesa noleggeremo sempre dallo stesso produttore due macchine con cui cominceremo a operare collegamenti ferroviari per le merci in entrata e uscita al porto di Genova».
Il Rivalta Terminal Europa è solo una delle possibili destinazioni, mentre i tempi sono brevissimi: «In primavera – prosegue Porta - dovremmo ottenere il certificato di sicurezza e di lì a poco cominciare ad operare. Proprio in questi giorni abbiamo iniziato la formazione di nove macchinisti presso Linea, la filiale italiana di Rail Cargo Austria (nel frattempo diventata Rail Cargo Austria, ndr)». Un investimento in formazione che corona quello finanziario da circa 6,3 milioni di euro. «Abbiamo preferito Siemens a Bombardier, l’altro fornitore rimasto nella short list, perché quest’ultima  non era nelle condizioni di farci un’offerta altrettanto allettante da un punto di vista operativo» ha spiegato Porta.
Novità, infine, anche sul fronte delle possibili espansioni dell'attività: «Stiamo seguendo da vicino il processo di liquidazione di Ferport, la società partecipata da Serfer-Trenitalia al 51%, Autorità Portuale di Napoli al 34% e Interporto Campano al 15%, che svolge manovre e servizi ferroviari al porto di Napoli, perché è una realtà con un buon potenziale. Ma non abbiamo ancora presentato offerte formali, perché dobbiamo valutare meglio un contesto che, al di là della distanza geografica dal fulcro del nostro business (Porta guida un gruppo composto oltre che da FuoriMuro dalla società di consulenza logistica I.Log e dall’operatore ferroviario Inrail, attivo nel nordest italiano, ndr) si presenta complesso almeno quanto lo è stato l’analogo processo della Ferport genovese dalla cui liquidazione è nata FuoriMuro».

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 
Letture:: 3354

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed