TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Dp World acquisisce le società di trasporto P&O

E-mail Stampa PDF

Il 20 febbraio 2019, il terminalista arabo annuncia l'acquisizione della compagnia marittima P&O Ferries e di quella intermodale P&O Ferrymasters per 322 milioni di sterline. Una mossa che potenzia la filiera logistica e che anticipa la Brexit.


POFerries Pride Bruges navigazioneLa multinazionale di Dubai conquista un importante tassello del trasporto intermodale europeo acquisendo le due società britanniche P&O Ferries e P&O Ferrymasters, la prima operante nel trasporto marittimo ro-ro, soprattutto tra Gran Bretagna e continente, e la seconda nel trasporto ferroviario intermodale, dove negli ultimi anni ha sviluppato diversi collegamenti attraverso l'Europa. Questa operazione rientra in una strategia di allargamento delle attività dai terminal portuali al trasporto marittimo di cabotaggio e quello terrestre. P&O Ferries ha una flotta di ventuno traghetti che scalano undici porti della Manica e del Mare del Nord, mentre P&O Ferrymasters svolge trasporti tra diciannove terminal. Il gruppo muove annualmente oltre 2,5 unità intermodali e nel 2017 ha fatturato 1,1 miliardi di sterline (1,264 miliardi di euro). Dp World dichiara che per l'acquisito del Gruppo britannico ha pagato 322 milioni di sterline (circa 370 milioni di euro).
Per DP World questa acquisizione è una sorta di "ritorno", perché la società araba acquisì P&O Ports nel 2006 per 3,9 miliardi di sterline. Però fu obbligata a rivenderne una parte perché la compagnia britannica gestiva alcuni terminal container negli Stati Uniti e l'allora presidente George Bush sostenne che la presenza di un gruppo arabo nei porti statunitensi comportava un rischio per la sicurezza nazionale (erano passati cinque anni dall'attacco alle Twin Towers). Così, la società di Dubai cedette i terminal statunitensi e nel 2010 anche quelli australiani ereditati da P&O Ports, che ha continuato a operare con proprio nome con il pieno controllo del Governo emeratino.
Non pare casuale che questa acquisizione giunga alla vigilia dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, che probabilmente avverrà senza accordi. La Brexit avrà enormi conseguenze nel trasporto delle merci tra il continente europeo e l'isola e portare due società che operano in tale ambito nell'alveo di una multinazionale permette i necessari investimenti per affrontare un periodo di forti turbolenze e riorganizzarsi sulla base delle nuove procedure. Per la compagnia emeratina è comunque un'occasione per rafforzare la sua presenza in Europa. Sia in Gran Bretagna che nella UE.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1599

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed