TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Fercargo critica sui ritardi di Bruxelles

E-mail Stampa PDF

L'associazione delle imprese ferroviarie plaude al via libera per il ferrobonus, annunciato il 24 novembre 2016, ma lamenta la mancata erogazione dei contributi per lo sconto pedaggi.


GiTreno container Savona Torinoancarlo Laguzzi, presidente di Fercargo (l'associazione delle imprese ferroviarie che operano nel settore del trasporto merci), plaude alle iniziative del ministero dei Trasporti, e in particolare alle direzioni guidate da Antonio Parente e da Enrico Finocchi che si sono occupate rispettivamente di sconto pedaggi e di marebonus e ferrobonus, ma si dice preoccupato per la lentezza decisionale di Bruxelles.
"Mentre facciamo un plauso al lavoro del ministro dei Trasporti Graziano Delrio e del suo staff, non possiamo non esprimere delusione per i tempi della Commissione Europea. Le imprese ferroviarie italiane già dal 2015 hanno iniziato ad applicare la riduzione delle tariffe previsti dallo sconto pedaggi (mediamente del 24%) ma a quasi due anni di distanza non hanno ancora visto un euro di erogazione dei contributi previsti", ha sottolineato Laguzzi. "Si parla in certi casi anche di cinque milioni di euro per singola azienda e comunque di decine di milioni di euro per l'intero comparto. Si sta rischiando di mettere in grave crisi finanziaria le imprese ferroviarie".
Fercargo rimprovera alla Commissione Europea di non aver ancora prodotto una risposta definitiva su un provvedimento inserito nella Legge di Stabilità 2015 (che prevedeva uno stanziamento di 100 milioni all'anno per il triennio 2015-2017) nonostante siano passati già 23 mesi da quando è entrata in vigore la norma. "Era già arrivata molto tempo fa una sorta di pre-approvazione sulle misure da Bruxelles", rivela Laguzzi aggiungendo che ora è necessario un pronunciamento scritto nel quale si fornisce il via libero definitivo alla misura senza il quale il Governo italiano non può sbloccare i fondi previsti.
Fonti ministeriali assicurano che a stretto giro questa risposta positiva dovrebbe essere messa nero su bianco da Bruxelles e spedita all'Italia. Per questo il presidente di Fercargo non perde le speranze sulla possibilità di ricevere a breve i rimborsi sulle tariffe praticati dalle imprese ferroviarie: "Ora ci aspettiamo che il Governo entro fine anno provveda a pagare i contributi riferiti al 2015. Se così non fosse si arriverebbe al paradosso che i contributi verrebbero erogati nel 2017, quindi alla fine del triennio, quando si dovrebbe già pensare invece al rinnovo delle misure".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1148

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed