TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il Governo presenta piano per trasporto aereo

E-mail Stampa PDF

Malpensa Cargocity alto montagneLa mattina del 27 novembre 2017, il ministro dei Trasporti Graziano Delrio ha illustrato il programma initolato "azioni per il rilancio del cargo aereo", che prevede un investimento di 157 milioni di euro.


Il Governo è ormai prossimo alla scadenza, ma la presenza dei rappresentanti degli operatori nella creazione del programma per lo sviluppo dal cargo aereo dovrebbe assicurargli una certa continuità. Infatti, il documento presentato oggi dal ministro dei Trasporti è stato firmato da Agenzia delle Dogane, Aicai, Anama, Assaereo, Assaeroporti, Assohandler, Confindustria, Enac, Federtrasporto, Ibar e Uir. Il ministro afferma che con questo documento si affronta il trasporto aereo delle merci in maniera sistemica.
Secondo i dati presentati oggi, dal 2014 al 2014 il cargo aereo in Italia è aumentato del 14,2% e nei primi nove mesi di quest'anno mostra un incremento dell'11,2% rispetto allo stesso periodo del 2016. "Ciò indica come il trasporto merci per via aerea, fino ad ora scarsamente considerato, stia diventando sempre più centrale in un'ottica globale", spiega il ministro Delrio. Il cargo aereo trasporta nell'export solo lo 0,7% in termini di volume, ma ben il 25,8% in termini di valore economico.
Il ministro ha riassunto gli investimenti previsti per questo settore, che ammontano a 157 milioni di euro per i prossimi quattro anni, che si sommano alle risorse, pari a 1,4 miliardi di euro, già stanziate per l'intero trasporto aereo, in particolare per le infrastrutture di volo. Il programma presentato oggi mostra tre tre interventi che potrebbero essere attuati nel breve termine. Il primo è attivare uno Sportello unico dogane e dei controlli, analogo a quello già attivo nei porti, accompagnato a la promozione del manifesto economico.
Il secondo intervento è il recepimento formale da parte delle Autorità preposte delle linee guida di indirizzo strategico tratteggiate dal programma stesso negli opportuni atti d'indirizzo, ossia il Piano Nazionale degli Aeroporti e il Piano Nazionale della Logistica. Il terzo intervento riguarda l'istituzione negli aeroporti a maggiore vocazione cargo, o immediatamente a ridosso degli stessi, di agevolazioni e semplificazioni coerenti con il Codice doganale unionale e di Zone Economiche Speciali nelle aree del Mezzogiorno ove sia possibile stimolare una filiera del trasporto merci via area oggi poco attrattiva.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1344

Camionsfera TV

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed