TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Moby lascerà Confitarma?

E-mail Stampa PDF

Vincenzo Onorato e Confederazione Italiana degli Armatori sono a un passo dall'addio o forse da un altro arrivederci, visto che il presidente di Moby già in passato era uscito dall'associazione sbattendo la porta.

La notizia è stata anticipata dal quotidiano napoletano Il Denaro e confermata da fonti vicine alla società, secondo cui il nuovo proprietario di CIN/Tirrenia (società non iscritta a Confitarma, ma a Fedarlinea), avrebbe già comunicato a Confitarma l'intenzione di uscire dall'associazione e che altrettanto avrebbe fatto un altro armatore ancora precisato. Le ragioni di questo distacco sembra siano legate alla posizione confederale sui contratti nazionali dei marittimi.

Il pensiero di Moby al riguardo è emerso indirettamente al momento dell'acquisizione di Tirrenia, quando l'amministratore delegato di CIN, Ettore Morace, alla domanda sul contratto di lavoro da sottoscrivere dopo i due anni di "congelamento" della situazione previsti dalla privatizzazione, spiegò che CIN non avrebbe utilizzato il testo firmato da Confitarma, ma che avrebbe mirato, partendo da quello di Fedarlinea, a elaborarne uno nuovo, specificatamente pensato per il settore cabotiero nazionale e flessibile in merito alla contrattazione aziendale.

Una posizione che aveva registrato aperture nei sindacati autonomi, da USB a UGL a Federmar Cisal: "Non ho notizie riguardo le dinamiche interne all'associazione armatoriale, quel che è certo è che bisogna andare nella direzione di un contratto dedicato al settore, capace di legare in modo più efficiente per entrambi il lavoratore all'azienda", ha spiegato a Ship2Shore Alessandro Pico, responsabile di Federmar Cisal. Di tutt'altro tenore era stata invece la reazione dei sindacati confederali, confermata da Roberto Luvini della Filt CGIL: "Non so se Moby voglia abbandonare Confitarma o se lo abbia già fatto, ma non mi interessa neppure, quel che mi preme è che, come già accade, anche gli armatori non iscritti a Confitarma o Fedarlinea applichino i contratti nazionali, perché non ne esistono e non ne possono esistere altri possibili".

Anche se non verrà apertamente affrontato nella relazione del presidente Paolo d'Amico in occasione della prossima assemblea di Confitarma che si terrà a Roma il prossimo 4 ottobre, la notizia del probabile addio di Vincenzo Onorato terrà banco nel dietro le quinte del meeting.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter bisettimanale con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1508

Camionsfera TV

Transportonline banner 2014

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Renault Trucks Italia

Renault Trucks T highsleepercab stradaForte della sua storia e della portata degli investimenti di un gruppo leader, Renault Trucks offre la gamma di veicoli e servizi più estesa e diversificata del mercato.