TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Accordo italo-cinese sul porto di Trieste

E-mail Stampa PDF

Il 5 novembre 2019 l'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale e l'azienda cinese China Communications Construction Company hanno firmato un memorandum d'intesa per la nuova Via della Seta.


Trieste porto banchina contaier gru camion naveDurante la visita in Cina del ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione italiano Luigi Di Maio è stata ribadita la volontà dell'Italia a partecipare allo sviluppo del programma Belt and Road, che vede come fulcro per la Penisola il porto di Trieste. Un passo in avanti è stata la firma del protocollo d'intesa tra l'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale e l'azienda cinese China Communications Construction Company, avvenuta il 5 novembre 2019 a Shanghai, davanti allo stesso ministro Di Maio. Questa firma è un'evoluzione degli accordi presi a Roma il 23 marzo per creare piattaforme logistiche connesse allo scalo giuliano. Il testo dell'accordo prevede che l'Autorità portuale sostenga alcuni progetti pilota della China Communications Construction Company nelle aree di Guangzhou e di Jiangsu e nel retroterra dei porti di Shanghai, Ningbo e Shenzen, che diventeranno punti di partenza per rotte destinate a Trieste. In Italia, il Gruppo cinese potrà istallare alcuni magazzini all'interno del territorio regionale.
"La firma di oggi è importante perché definisce un ruolo attivo del sistema pubblico italiano nello sviluppo della logistica, a favore di una delle qualità economiche più importanti del nostro Paese, il Made in Italy", ha spiegato il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale Zeno D'Agostino. "Si tratta di un progetto a disposizione del Sistema Paese: le piattaforme logistiche potranno agevolare il trasporto delle merci provenienti da tutta Italia, a supporto delle grandi aziende e delle piccole e medie imprese. È un segnale importante che questa partita venga giocata proprio dal settore pubblico".
In una nota, l'Autorità precisa che non avrà partecipazioni dirette allo sviluppo delle piattaforme logistiche, "ma collaborerà come parte attiva aggregatrice, fornendo supporto alla definizione tecnica dei progetti, alla loro promozione presso le istituzioni e le imprese in Italia e attivandosi per la pianificazione o lo sviluppo di infrastrutture, servizi comuni o strumenti di trade facilitation utili al rinforzo del canale logistico integrato Italia-Cina anche attraverso il Porto Franco di Trieste". Un primo terreno di sperimentazione riguarderà l'importazione in Cina del vino italiano.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 751

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca