TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Grandi Navi Veloci ancora in sofferenza

E-mail Stampa PDF

I conti della compagnia marittima controllata da Aponte appesantisce il bilancio 2018 di Marinvest. Pesa in particolare la concorrenza nel trasporto delle merci sulle rotte da e per la Sicilia.


GNV Superba BanchinaL'agguerrita concorrenza fra le compagnie di navigazione Grimaldi e Moby (compresa Tirrenia) sulle rotte da e per la Sicilia per il trasporto di carichi rotabili fa sentire i suoi effetti (negativi) anche sui conti di Grandi Navi Veloci. Quest'ultima, infatti, opera linee marittime regolari per il cargo fra i porti di Genova e Palermo, Napoli e Palermo, Civitavecchia e Termini Imerese e infine fra i porti di Civitavecchia e Palermo. Marinvest, la holding finanziaria delle attività di Gianluigi Aponte in Italia, ha chiuso anche il 2018 in utile (il risultato è stato positivo per sei milioni di euro) ma sui conti hanno pesato ancora una volta le compagnie di traghetti Grandi Navi Veloci e Snav. Nella relazione al bilancio vengono evidenziate "le pressioni competitive che hanno interessato alcuni mercati, in particolare la Sicilia", anche se la compagnia genovese ha cercato di difendersi con una crescita del volume di passeggeri (+4,4%) e delle merci trasportate (+19,6%), così come sono aumentati i ricavi per i servizi di bordo.
Nel 2018, Gnv registra una perdita di 13,4 milioni, superiore a quella di 10,2 milioni dell'anno precedente. Non è un caso, conti alla mano, che il patron di Msc abbia deciso di sospendere il piano di ordinare nuove navi ro-pax al cantiere cinese Gsi giustificando questa scelta con un prezzo considerato elevato da parte del costruttore. Secondo i progetti originari sarebbero state navi Lng-ready lunghe 230 metri, con una capacità di trasporto pari a 2500 passeggeri e 3700 metri lineari. Più limitato, invece, il rosso di Snav che nel 2018 ha perso poco meno di 550 mila euro evidenziando un significativo miglioramento rispetto alla perdita registrata nel 2017 e pari a oltre 2,5 milioni di euro. La compagnia l'anno scorso ha subito un'importante ristrutturazione che la vede oggi maggiormente focalizzati sui trasporti con unità veloci nel Golfo di Napoli, da Napoli verso le Eolie, sul collegamento fra Ancona e Spalato, in Croazia, e nelle attività di noleggio a scafo nudo e armato di navi e unità veloci. L'obiettivo è "il raggiungimento di un sostanziale equilibrio economico-finanziario già a partire dall'esercizio 2019".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 3074

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed