TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Macquarie acquisisce Long Beach Container Terminal

E-mail Stampa PDF

Il Gruppo australiano ha pagato 1,78 miliardi di dollari per controllare il terminal container californiano, acquisendolo dalla compagnia cinese Ooil obbligata a cederlo dopo l'ingresso di Cosco.


Long Beach container terminal sera nave ooclIl braccio di ferro ingaggiato dagli Stati Uniti con la Cina ha favorito l'ingresso degli australiani nel porto di Long Beach, uno dei più importanti dell'America del nord per quanto riguarda il trasporto di container. Alla fine aprile 2019, la compagnia marittima cinese Orient Overseas International Limited ha annunciato di avere venduto l'intera quota del Long Beach Container Terminal a un consorzio guidato da Macquarie Infrastructure Partners, società finanziaria australiana che investe nelle infrastrutture. Ha dovuto farlo a causa di una precisa richiesta giunta dai Dipartimenti per la Sicurezza e Nazionale e la Giustizia degli Stati Uniti, ai sensi del National Security Agreement, dopo l'ingresso della Ooil nel Gruppo Cosco. L'accordo per la cessione del terminal californiano, uno dei più grandi degli Stati Uniti, prevede il pagamento a Ooil di 1,78 miliardi di dollari e l'impegno della compagnia marittima Oocl (controllata da Ooil) di continuare l'approdo delle sue portacontainer nel terminal con un accordo ventennale.
Macquarie Infrastructure Partners ha annunciato che completerà la prevista estensione del terminal entro il 2022, aumentandone la capacità fino ai previsti 3,3 milioni di teu. Oggi, il Long Beach Container Terminal movimenta un milione e mezzo di teu e vi scalano due servizi di Ocean Alliance, che comprende anche Oocl. La società australiana gestisce negli Stati Uniti anche terminal container a New York-New Jersey, a Elisabeth e a Los Angeles e lo scorso marzo ha acquisito l'intero capitale di NYK Ports.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 772

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed