TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Porti fermi per sciopero il 23 maggio 2019

E-mail Stampa PDF

I sindacati confederali hanno proclamato uno sciopero di 24 ore con presidi dei lavoratori portuali nell'ambito della vertenza per il rinnovo del contratto nazionale. Le modalità saranno decise per ciascuno scalo.


Braccio di ferro bnSi scalda il fronte del porto per il rinnovo del Ccnl Porti, dopo l'interruzione delle trattative avvenuta il 12 aprile e il successivo stallo. Ora le posizioni dei sindacati e delle associazioni datoriali appaiono inconciliabili e Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno deciso di dare una spinta alla trattativa indicendo uno sciopero di 24 ore per giovedì 23 maggio. L'astensione dal lavoro riguarderà tutti i lavoratori degli organici portuali, i dipendenti delle Autorità di Sistema Portuali e delle imprese ex articoli 16, 17, 18 della Legge 84 del 1994. Le modalità di attuazione saranno articolate nei singoli scali sulla base delle varie organizzazioni del lavoro. Prima della giornata di sciopero, i sindacati organizzeranno assemblee, che potrebbero creare disagi all'attività portuale, e durante il 23 maggio organizzeranno presidi davanti alle sedi delle Autorità portuali.
In un comunicato congiunto, i sindacati confederali segnalano il "mutamento genetico" che sta avvenendo nei porti dopo il lungo periodo di stabilità sociale raggiunto con la riforma del 1994 e con il contratto nazionale. Tale mutamento "fa registrare un deciso condizionamento anche sul tavolo contrattuale, attraverso l'ampia partecipazione delle compagnie di navigazione e di fondi finanziari nelle mappe degli assetti societari in molti porti italiani". Tale strategia vuole ridurre i costi lungo la filiera del trasporto "a spese dei lavoratori dei porti e delle condizioni di lavoro e di sicurezza", con il "silenzio assenso del Governo e del ministero competente che, oltre ad eludere ogni richiesta di confronto delle organizzazioni sindacali, sembra perseguire obiettivi disarticolati e dettati più da una strategia rivolta a destrutturare il sistema di regole in essere".
Questa situazione, conclude il documento porta a trascurare "i molti problemi che vanno periodicamente ad incrementarsi a causa di una gestione contraria alla logica di sistema Paese, quindi contraria a perseguire l'interesse generale, adottata da molti Presidenti di AdSP, ancora riluttanti a svolgere il loro ruolo di garanti del funzionamento e la redditività delle infrastrutture pubbliche secondo la normativa vigente rinnovata nel 2017".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 960

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed