Ilva muove il porto di Taranto

Stampa

La movimentazione di rinfuse solide sulle banchine tarantine è aumentata nel 2018, mentre è calata quella delle liquide. Ancora fermi i container in attesa della Yilport.


Taranto porto altoNel 2018, il porto di Taranto ha movimentato 20,4 milioni di tonnellate di merci, con una flessione del 5,6%, quando ne erano state movimentate 21,6 milioni. Continua quindi la regressione dello scalo, ma un dato mostra un andamento positivo: gli imbarchi di rinfuse solide hanno toccato il milione e mezzo di tonnellate, con un aumento del 19,2% sull'anno precedente, e gli sbarchi hanno raggiunto i 10,3 milioni, con una crescita dell'1,2%. Secondo l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, questo risultato è dovuto alla stabilizzazione dell'Ilva, grazie all'attività del suo nuovo proprietario Arcelor Mittal Italia.
È invece diminuita nel 2018 la movimentazione di rinfuse liquide, i cui sbarchi hanno toccato 1,1 milioni di tonnellate, a fronte di 1,8 milioni dell'anno precedente (-39,4%) e gli imbarchi hanno toccato 2,7 milioni di tonnellate (-3,3%). Ciò riflette, secondo l'Asp "la riduzione dell'import marittimo della raffineria Eni che sta utilizzando il greggio proveniente dalla Basilicata". I container sono rimasti a zero, ma nel 2018 si è aperto uno spiraglio con l'avvio della concessione alla società turca Yilport del Molo Polisettoriale.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: