TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Una Zls in Valpolcevera per il porto di Genova

E-mail Stampa PDF

La proposta di attivare una Zona Logistica Semplificata è venuta dal presidente degli spedizionieri genovesi durante la loro assemblea annuale.


Genova porto Terminal SechUn porto più integrato con la città, che si colleghi direttamente all'aeroporto e alla Valpolcevera da riconvertire alla logistica e destinata a ospitare una nuova Zona Logistica Semplificata e una rete d'infrastrutture aggiornate per creare un corridoio dedicato alle merci. Sono questi i pilastri sul quale poggia il "bold plan", il piano ambizioso per il porto di Genova lanciato dall'assemblea annuale di Spediporto, l'associazione degli spedizionieri genovesi. Il porto di Genova, fino al crollo del ponte Morandi avvenuto a metà agosto, cresceva del 7% mentre a fine anno ha chiuso con un calo dei traffici dello 0,5%, ma in futuro, secondo gli spedizionieri, lo scalo può arrivare a movimentare fra 5,2 e 10 milioni di teu, stando alle previsioni di crescita di alcuni analisti. Secondo il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale, Paolo Emilio Signorini, le stima di crescita sono più prudenti e stanno fra 3,5 e 5 milioni di teu annui.
A spingere lo scalo del capoluogo, oltre al piano nazionale sulle infrastrutture e al piano di investimenti dell'Autorità Portuale, si sono aggiunte le opportunità della Legge 130 per il rilancio del territorio ferito dal crollo del Morandi. "Ora chiediamo un bold plan che all'aggiornamento infrastrutturale del porto, fra nuova diga, nuovo snodo di San Benigno, potenziamento della rete ferroviaria tanto a ponente che a levante del porto, incluso il doppio binario di Voltri Prà e all'automazione dei varchi portuali, sommi una visione ambiziosa del porto che abbracci banchine, aeroporto e Valpolcevera, destinata a nostro avviso a diventare una Zona Logistica Semplificata, diventando a sua volta un trait d'union con i retroporti" ha dichiarato il presidente degli spedizionieri, Alessandro Pitto.
A proposito del futuro della categoria il numero uno di Spediporto ha aggiunto: "Da anni leggiamo previsioni a tinte fosche sul futuro della nostra professione, invece mai come oggi lo spedizioniere è di nuovo al centro dell'attenzione dei mercati e degli investitori. Il futuro di noi spedizionieri si giocherà sulla nostra capacità di trasformarci in service & data provider della logistica". Secondo Pitto "lo spedizioniere rappresenta oggi più che mai il ponte che unisce il mondo dell'industria e il mondo del trasporto e della logistica". La sfida per il futuro è "aggiornare e integrare costantemente i servizi trasformandosi in alleati dei nostri partner e i clienti per eliminare i costi legati alle inefficienze", ha concluso il numero uno di Spediporto, sottolineando che i veri costi della logistica sono causati "dalle carenze infrastrutturali e dalle inefficienze amministrative e burocratiche e dall'incapacità di fare sistema che complicano e rallentano il nostro lavoro".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1179

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed