TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Passo avanti di Yilport a Taranto

E-mail Stampa PDF

Il Tar di Lecce ha respinto la richiesta di sospensiva presentata dal consorzio Southgate Europe Terminal contro la concessione del Molo Polisettoriale al terminalista turco. A giugno la decisione finale.

Taranto Molo Polisettoriale mareLa società terminalista turca Yilport ha vinto la prima battaglia legale per la concessione dell'intero Molo Polisettoriale del porto di Taranto quando i giudici amministrativi di Legge hanno respinto la richiesta di sospensiva presentata da un altro partecipante alla gara indetta dall'Autorità Portuale del Mar Ionio, il consorzio Southgate Europe Terminal. Ma questo è solo il primo passo della vicenda legale, perché il Tar di Lecce deve ancora decidere sul merito della questione e lo farà in un'udienza prevista per il 5 giugno 2019.
Intanto, però, l'Autorità portuale può continuare la procedura di assegnazione e ha dichiarato in una nota che "il provvedimento di cui trattasi conferma la legittimità dell'azione amministrativa e della scelta effettuata nel preminente interesse pubblico", precisando che "alla luce dell'esito di tale fase processuale e in considerazione della chiara e netta motivazione del provvedimento, l'ente si avvia a completare le attività propedeutiche alla sottoscrizione della concessione ed all'avvio dell'operatività del terminal, infrastruttura cardine per lo sviluppo economico ed occupazionale del porto, del territorio jonico e della istituenda Zona Economica Speciale interregionale".
Sul versante sindacale, a dicembre 2018 è avvenuto il primo incontro tra le sigle confederali e il terminalista turco e il secondo è previsto alla metà di marzo per discutere il piano industriale destinato a riportare i container nel porto pugliese. Oggi, i cinquecento ex dipendenti di Taranto Container Terminal, società liquidata, sono in cassa integrazione. dall'incontro di dicembre è emerso che Yilport intende avviare i traffici dalla primavera con servizi feeder, in attesa che finiscano i dragaggi per portare il fondale a 16,5 metri per accogliere portacontainer più grandi. L'obiettivo del terminalista è raggiungere 1,6 milioni di teu entro il 2024 e 2,6 milioni entro il 2036, per toccare i quattro milioni nel 2045.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1611

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed