TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Gavio rinnova concessione nel porto di Genova

E-mail Stampa PDF

Il Terminal San Giorgio, controllato dal Gruppo alessandrino, ha esteso fino al 2033 il diritto di operare sulla banchina di Ponte Somalia in cambio di venti milioni d'investimenti.


Genova terminal San Giorgio mareL'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale e Terminal San Giorgio, impianto portuale controllato dal Gruppo Gavio, hanno annunciato di aver sottoscritto il nuovo atto di concessione che estende al 2033 la possibilità per il terminalista di operare sull'area di ponte Somalia (una superficie di circa 60mila metri quadrati) dove la società è presente dal 2013. Maurizio Anselmo, amministratore delegato della società controllata da Gavio, ha spiegato che "il Terminal San Giorgio è presente nel porto di Genova dal 2006, dove ha investito finora oltre 50 milioni di euro. Con la firma del nuovo atto, la società ottiene le certezze necessarie per sviluppare un piano d'impresa pluriennale e attivare un ampio programma di investimenti per migliorare la propria capacità operativa e incrementare le prospettive di traffico per il terminal e per il porto di Genova".
Il numero uno del terminal ha aggiunto che "già nel prossimo triennio investiremo circa dodici milioni di euro, per un totale che nell'arco dei tredici anni supererà ampiamente i venti milioni di euro. Il nostro obiettivo è raddoppiare a regime i volumi di traffico odierni, arrivando a movimentare più di 2,2 milioni di tonnellate equivalenti". Il presidente dell'Autorità, Paolo Emilio Signorini, ha commentato: "Per l'Autorità di Sistema Portuale si tratta di una tappa importante. Infatti, con questo provvedimento, si completa il processo di definizione degli atti pluriennali dei terminalisti di Sampierdarena avviato dall'Autorità di sistema a inizio 2017. Con un assetto concessorio compiutamente definite si forniscono agli operatori le basi necessarie per sviluppare il proprio business, a vantaggio della competitività dell'intero scalo".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 874

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed