TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Porto di Salerno verso la ripresa nel ro-ro

E-mail Stampa PDF

Lo scorso anno il porto campano ha movimentato 7.730.023 unità, tra automobili e mezzi pesanti, contro 8.174.621 del 2017, mostrando una flessione del cinque percento. Ma per Domenico De Rosa, della Smet, è già in atto un'inversione di tendenza.


Salerno traghetto CaronteMeno veicoli imbarcati e sbarcati dalle navi ro-ro nel porto di Salerno nel 2018 rispetto all'anno precedente, ma il calo del cinque percento potrebbe essere temporaneo, perché dovuto a fattori contingenti e già quest'anno potrebbe avvenire la ripresa. Questa è l'opinione di Domenico De Rosa, amministratore delegato del Gruppo Smet, azienda che opera nella città campana da settanta anni: "Nei primi due mesi dello scorso anno il nostro porto ha perso in realtà il 16.16% del suo traffico ro-ro. Il dato di chiusura, che si attesta sul 5%, testimonia dunque che è già in atto quell'inversione di tendenza che ritengo proseguirà anche nel corso del 2019". Il dirigente ritiene che le cause della flessione siano riconducibili a fattore esterni geopolitici, come la guerra dei dazi che, penalizzando la libera circolazione delle merci, ha rallentato le esportazioni dell'industria manifatturiera, aggiungendo che "per l'inversione di tendenza che fortunatamente è già in atto, dobbiamo ringraziare la notevole capacità di visione e reazione del mondo imprenditoriale".
Il porto di Salerno beneficerà di due importanti interventi: l'attivazione della Zona Economica Speciale – che secondo De Rosa "darà un forte impulso all'economia reale, soprattutto in un Mezzogiorno che è strategico per lo sviluppo del Paese" - e il dragaggio che "consentirà al nostro scalo di ospitare navi di dimensioni sempre maggiori, cogliendo così le opportunità di un momento storico che vede l'armamento sempre più orientato al gigantismo navale". Lo scorso dicembre, inoltre, il Salerno Container Terminal - controllato dal Gruppo Gallozzi – ha installato due nuove gru gommate alte 57,5 metri e con braccio di 65 metri, che possono lavorare container su navi fino a 15mila teu. Il presidente dell'ASP del Mare Tirreno Centrale, Pietro Spirito, ha dichiarato che "nel 2019 andranno ulteriormente capitalizzate queste azioni sinergiche, portando a compimento importanti lavori infrastrutturali in corso ed avviandone altri che saranno di decisiva importanza per consolidare la competitività del sistema portuale campano nel medio e nel lungo periodo".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 930

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed