TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tre Regioni più autonome nella gestione dei porti

E-mail Stampa PDF

LaSpezia porto alto1Il 1° febbraio 2019 il ministero dei Trasporti ha firmato un accordo con Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna che riconosce a queste Regione una maggiore autonomia in materia di trasporto, compresa la gestione dei porti. Conftrasporto è preoccupata.

 


Dopo alcune riunioni avvenuto al ministero dei Trasporti con i rappresentanti di Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, il ministro dei Trasporti ha firmato un accordo con le tre Regioni per accordare loro una maggiore autonomia su alcuni temi di competenza del ministero, tra cui il governo dei porti, dove gli enti locali avranno una partecipazione più forte. I termini dell'intesa non sono ancora noti, ma le Regioni avrebbero ottenuto più spazi di manovra anche nella gestione delle strade e nella redazione dei masterplan aeroportuali, mentre il ministero avrebbe bloccato richieste analoghe per le reti ferroviarie e autostradali, dove resterà preminente l'interesse nazionale.
Subito dopo la diffusione della notizia, Conftrasporto ha rilasciato una nota dove mostra preoccupazione per questo accordo: "Prima di arrivare a una regionalizzazione portuale bisognerebbe riflettere molto sugli effetti che genererebbe", afferma il presidente di Federlogistica-Conftrasporto, Luigi Merlo. "Il mercato portuale è globale e la competizione ormai è sempre più su scala internazionale – spiega il presidente - Uno dei punti di debolezza della portualità italiana è stato, in passato, proprio l'eccesso di provincialismo. Occorre invece rafforzare la programmazione nazionale, fare scelte strategiche unitarie, evitare sovrapposizioni e investimenti inutili. Regioni ed enti locali possono svolgere un'importante funzione di integrazione con i territori, ma all'interno di una visione nazionale. Siglando singoli accordi con alcune regioni del nord si rischia inoltre di amplificare il divario con i porti del sud, alcuni dei quali vivono già oggi una situazione particolarmente difficile".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1478

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed