TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Un nuovo socio entra in Caronte&Tourist

E-mail Stampa PDF

Il fondo inglese Basalt rileverà il 30% della società di navigazione attiva sullo Stretto di Messina e in Sicilia.


Caronte Tourist traghetti afffiancati imbarco Stretto MessinaIl fondo d'investimento inglese Basalt Infrastructure Partners ha rilevato il 30% del capitale della Caronte & Tourist (C&T), gruppo italiano che svolge collegamenti marittimi nello Stretto di Messina e tra la Sicilia e le isole minori e in servizi marittimi di cabotaggio, attività realizzate con una flotta di ventisette navi, principalmente con i marchi Caronte & Tourist, Siremar e Cartour. Lo ha annunciato il gruppo armatoriale controllato dalle famiglie Franza e Matacena: "Che uno tra i più importanti fondi internazionali decida d'investire nel Mezzogiorno e in particolare in Sicilia, è la dimostrazione che queste stesse aree, in presenza di aziende virtuose e dalle grandi potenzialità, riescono a essere attrattive nonostante i gap oggettivi che continuano a penalizzarle". Il progetto sarà presentato entro metà gennaio 2019.
L'apporto del nuovo investitore "non inciderà solo sugli assetti economici e sul completamento del processo di managerializzazione e internazionalizzazione di Caronte&Tourist, ma soprattutto si rivelerà determinante ai fini dello sviluppo del piano industriale del gruppo, che prevede il progressivo rinnovo della flotta in servizio sullo Stretto e la sinergia con la Regione Siciliana per il rinnovo del servizio di trasporto pubblico locale per le isole minori con la realizzazione di nuovo naviglio altamente specializzato e performante". Oltre a nuovi investimenti in navi, Caronte&Tourist recentemente ha rilevato il 51% della società Traghetti delle Isole attiva anch'essa sulle rotte dalla Sicilia alle altre isole minori.
Attualmente il fondo Basalt è presente nel settore marittimo con la proprietà dell'intero capitale della North Star Shipping, compagnia britannica dotata di una flotta di 31 unità navali impiegate a servizio delle piattaforme petrolifere nel Mare del Nord, e della Wightlink, compagnia anch'essa britannica che opera servizi traghetto che collegano l'isola di Wight con l'Inghilterra. L'acquisizione del 30% di Caronte&Tourist dovrebbe valere oltre 120 milioni di euro.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1044

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed