TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Usb chiede sicurezza nei terminal di Genova

E-mail Stampa PDF

Dopo un incidente avvenuto al terminal Sech dello scalo ligure, fortunatamente senza feriti, il sindacato chiede interventi per aumentare la sicurezza degli autisti dei camion mentre caricano al porto.


Genova Sech incidente camion dicembre 2018Intorno alle 20.00 del 28 dicembre 2018, un container ha urtato violentemente un semirimorchio all'interno del terminal Sech, fortunatamente senza causare danni all'autista. Però, questo episodio ha spinto il sindacato Usb Liguria a diffondere un comunicato dove chiede un aumento della sicurezza all'interno del porto. In particolare, la sigla sindacale esprime alcune richieste. La prima è istituire la figura dei Rappresentante dei Lavoratori alla Sicurezza ( RLS) per conoscere meglio i rischi che si corrono nel porto. Alberto Luigi Gila, rappresentante di Usb lavoro privato Spedizioni, Trasporto Merci e Logistica aggiunge che le imprese devono anche consentire la diffusione del Documento Valutazione Rischi, che ora può consultare solo il delegato alla sicurezza in azienda, senza poter estrarre una copia. "Oggi la gestione dei rischi è governata solo dai terminalisti, mentre bisogna coinvolgere anche i lavoratori", spiega il sindacalista. Un altra richiesta è annullare il divieto per gli autisti di scendere dal camion all'interno dei terminal (che non vige però in tutti gli impianti del porto di Genova): "Restare in cabina vicino alle pile dei container può aumentare i rischi per il conducente, quindi chiediamo che possa scendere dal veicolo e ricoverarsi in strutture sicure".
L'Usb chiede anche procedure sulla sicurezza all'ingresso del camion nel terminal: "Si potrebbe attuare un sistema analogo a quello attivato da alcune industrie chimiche, dove prima di entrare nello stabilimento il conducente deve vedere un breve video sulla sicurezza e rispondere correttamente ad alcune domande sui suoi contenuti". Infine, il sindacato chiede una presenza più attiva nei porti degli organi di controllo, come l'Uopsal, che deve intervenire nel caso d'inadempienza.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1531

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed