TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Indagine al porto di Livorno su concessione accosti

E-mail Stampa PDF

Secondo alcune indiscrezioni di stampa, la procura di Livorno starebbe indagando sul presidente e il segretario generale dell'ASP del Mar Tirreno Settentrionale e su un ex-presidente dell'Autorità Portuale. Intanto Grimaldi minaccia di lasciare le banchine dello scalo toscano.

Livorno porto aerea lato sudIl 2019 inizia con una tempesta per il porto di Livorno, che colpisce direttamente i vertici dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale. Il 3 gennaio, il quotidiano Il Tirreno riferisce che la Procura di Livorno sta indagando sul presidente Stefano Corsini e sul segretario generale Massimo Provinciali, oltre che sull'ex presidente dell'Autorità Portuale Giuliano Gallanti e l'ex dirigente Matteo Paroli. Il quotidiano aggiunge che i quattro sarebbero stati interrogati dai magistrati, che avrebbero chiesto al Giudice per le indagini preliminari anche la loro interdizione ai pubblici uffici per un anno.
La Procura di Livorno ha iniziato questa indagine nel 2016 partendo dalla denuncia di un terminalista su presunti illeciti nella concessione temporanea di alcuni accosti nella Sponda Ovest – da dove partono anche i traghetti della autostrade del mare - con casi che partono dal 2012. Il reato contestato sarebbe quello di abuso di atti d'ufficio.
Ma la tempesta non è solo giudiziaria. Sempre il quotidiano livornese ha pubblicato il 2 dicembre un articolo dove ci si chiede se Grimaldi potrebbe lasciare il porto, come atto della guerra che sta conducendo con Onorato. La scelta di abbandonare Livorno deriverebbe da alcune decisioni della Capitaneria: il sequestro avvenuto nel 2018 di una tensostruttura autorizzata dall'Autorità portuale ma ritenuta abusiva dalla Capitaneria e il rifiuto dell'accosto della car carrier Hoegh Singapore al Molo Italia, avvenuto a metà dicembre.
Ma da Livorno arriva anche una buona notizia: il 2 gennaio è approdata al Terminal Lorenzini una nuova gru di banchina a bordo della nave Bbc Fuji salpata dai Paesi Bassi. È una Ghmk 8412-64 HT della Konecranes Gottwald, alta 58 metri e con braccio di 64 metri, che può lavorare portacontainer fino a 22mila teu. Per installarla, la società terminalista ha investito quattro milioni di euro.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1544

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed