TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

In discussione la fusione fra Moby e Tirrenia CIN

E-mail Stampa PDF

Secondo Mauro Pili di Unidos, i commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria, il ministero dei Trasporti e l'Antitrust potrebbero avere qualcosa da ridire sull'integrazione tra le compagnie di Onorato.

Tirrenia ro ro Maria grazia onorato varoL'annunciata fusione per incorporazione di Moby in Tirrenia-Compagnia Italiana di Navigazione ha ricevuto nei giorni scorsi l'approvazione dall'assemblea degli azionisti della balena blu ma potrebbe richiedere tempo prima di concludersi, se effettivamente verrà portata a termine. Mauro Pili, leader del movimento politico sardo Unidos, che da tempo combatte una battaglia contro i 73 milioni di euro che lo Stato ogni anno versa a Tirrenia Cin come contributi pubblici per garantire la continuità territoriale, ha affermato che "l'Antitrust ha inviato al ministero dei Trasporti una copiosa richiesta di chiarimenti sulla vicenda fusione" e questa circostanza non è stata smentita né del dicastero romano né dall'Agcm. Dal ministero guidato da Danilo Toninelli fanno sapere che "il dossier è allo studio".
Non solo: Pili ha aggiunto che i commissari liquidatori della Tirrenia in amministrazione straordinaria (la bad company scorporata al momento della vendita dell'ex compagnia pubblica passata a Moby nel 2012) starebbero valutando l'esigenza di impugnare questa fusione "perché verrebbe meno la garanzia originaria dei 180 milioni di euro, il debito (per l'acquisto della società, ndr) ancora non pagato. I commissari se non lo facessero rischierebbero in solido".
Una circostanza, anche questa, che appare più che probabile. Una fonte molto vicina proprio ai commissari conferma infatti che, "nella misura in cui la fusione tra Moby e Cin possa essere considerata di pregiudizio per i creditori dell'amministrazione straordinaria di Tirrenia, e comunque disallineata rispetto agli impegni a suo tempo assunti dall'acquirente del compendio, è lecito supporre che qualche iniziativa verrà assunta". Secondo Pili, questo reverse merger non può avvenire perché la convenzione pubblica impone "l'obbligo di una contabilità autonoma e separata" e se questa operazione andasse in porto le navi acquisite dall'ex compagnia pubblica finirebbero sotto lo stesso cappello di Moby.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1327

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed