TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Spedizionieri chiedono chiarezza alla Spezia

E-mail Stampa PDF

L'associazione degli spedizionieri doganali della città ligure Aspedo chiede all'Autorità di Sistema Portuale un'operazione di trasparenza sul futuro del porto.


LaSpezia porto alto globaleIl 17 ottobre 2018, il presidente dell'Associazione degli Spedizionieri doganali di La Spezia, Sergio Landolfi, ha diffuso una nota per chiedere all'ASP maggiore chiarezza e trasparenza sul futuro del porto della Spezia: "Ormai da settimane, se non da mesi il porto è finito sotto un cono d'ombra ed è scomparso anche dall'area di attenzione dei media. Eppure meno di un mese fa in occasione di un road show a New York di una delegazione mista dell'Autorità di Sistema Portuale e di Contship, è stato annunciato un piano di 328 milioni di euro di investimenti misti pubblico privati, che consentiranno allo scalo di aumentare la sua superficie del 25%". Ma il presidente dell'Aspedo chiede come, dove e in quali tempi ciò avverrà.
Secondo quanto dichiarato a New York, il piano d'investimenti prevede 188 milioni di euro stanziati da privati e dieci milioni dal pubblico per realizzare nuove infrastrutture portuali, altri dieci milioni dai privati e 75 milioni dal pubblico per infrastrutture ferroviarie e stradali e 45 milioni dal pubblico per dragaggi e bonifiche. "Ma in termini pratici, sulle banchine e nei piazzali dove lavoriamo ogni giorno non abbiamo riscontri pratici dell'avanzamento di questi lavori. Correttamente la presidente Roncallo ci ha convocati il 23 ottobre prossimo anche e specialmente per illustrare i piani del porto. Speriamo e siamo convinti che quell'incontro possa fissare un punto fermo sul quale programmare insieme lo sviluppo del nostro scalo", conclude Landolfi.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 717

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed