TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Maersk cambia regole sulle merci pericolose

E-mail Stampa PDF

Dopo il grave incendio a bordo della portacontainer Maersk Honam, la compagnia marittima danese annuncia a settembre 2018 una modifica delle regole per l'imbarco di container che contengono merci pericolose.


Incendio Maersk Honam Guardia Costiera spegneNonostante non ci siano prove che l'incendio avvenuto lo scorso marzo a bordo della portacontainer Maersk Honam sia stato causato da merci pericolose e che, secondo la la compagnia, tutti i container siano stati accettati e stivati seguendo le norme dell'International Maritime Dangerous Goods, Maersk dopo quell'incidente ha rivisto le norme sull'imbarco delle merci pericolose, in collaborazione con l' American Bureau of Shipping. La compagnia danese ritiene che debbano essere riviste le norme sullo stivaggio delle merci pericolose per proteggere meglio l'equipaggio, il carico, l'ambiente e le nevi stesse, ha dichiarato Ole Graa Jakobsen, responsabile della parte tecnologica delle flotta Maersk.
La compagnia si è già mossa in modo autonomo. Per prima cosa, ha individuato sei diverse aree nella stiva, classificandole secondo il rischio causato dalle merci pericolose, poi ha disposto che i container caricati con prodotti soggetti all'International Maritime Dangerous Goods non devono più essere caricati vicino alle due zone ritenute di minore tolleranza al rischio, ossia gli alloggi dell'equipaggio e i motori. In linea generale, sono ritenute poco adatte alle merci pericolose le zone sottocoperta e al centro della nave, mentre quelle più adatte sono i ponti di prua e poppa. Per ognuna delle sei zone, Maersk ha definito quali numeri Onu possono accogliere.
La compagnia danese ha illustrato queste considerazioni anche all'IMO, con il fine di cambiare la normativa sulle merci pericolose, chiedendo la collaborazione delle altre compagnie marittime per definirle, perché gli incendi sulle portacontainer sono un problema per l'intero settore dello shipping.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 940

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed