TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Accessi più sicuri al porto di Livorno

E-mail Stampa PDF

Il 28 agosto 2018 è stato firmato il verbale di collaudo tecnico del software GTS3 (Gate Transit Security) che cambierà le modalità di accesso allo scalo e che controllerà varchi e passaggi. Dovrebbe contrastare anche il lavoro irregolare e rendere più rapito il transito dei camion.


Livorno accesso camion portoL'ASP del Mar tirreno Settentrionale spiega che il nuovo sistema di sicurezza può controllare in modo accurato tutti i veicoli e le persone che transitano dai varchi Galvani, Valessini, Zara e Darsena Toscana, rilevando in tempo reale la targa anteriore e posteriore, la foto del veicolo, il numero del container, i dati anagrafici e la foto degli operatori. La videosorveglianza, inoltre, registra gli avvenimenti ai varchi e in porto, condividendo i filmati con la Polizia e le imprese di sorveglianza: "Questo scambio di informazioni in tempo reale consente di verificare nelle banche dati nazionali delle forze dell'ordine la presenza nel porto di persone o mezzi segnalati e di comunicare posizioni lavorative irregolari", spiega l'Autorità in una nota.
Il presidente dell'ASP, Stefano Corsini, dichiara che "in un settore altamente concorrenziale come il trasporto intermodale, efficienza e sicurezza sono gli elementi chiave per aumentare la competitività di un porto. Il GTS3 assicura il completo controllo delle procedure di transito senza influire sull'operatività dello scalo". Il sistema dovrebbe anche semplificare la procedura di transito. Per esempio, alcune categorie di utenti potranno stampare il permesso in modo autonomo.
Inoltre, utilizzando i dati acquisiti tramite il Gate Transit Security, l'Ufficio Controllo Accessi e l'Ufficio Sistemi Informativi dell'ASP, in collaborazione con l'Agenzia delle Dogane e con la Guardia di Finanza, ha realizzato una procedura che permette di velocizzare l'uscita della merce dal porto. Con il nuovo sistema il camionista non dovrà più scendere dal mezzo per l'espletamento delle procedure doganali, ma potrà transitare velocemente a seguito dell'acquisizione telematica di tutti i dati necessari. In una seconda fase saranno implementati nel sistema altre funzioni per lo scambio delle informazioni tra operatori portuali e Autorità competenti.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 832

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed