TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Porto di Genova affronta l’emergenza viabilità

E-mail Stampa PDF

Il 15 agosto si è svolta la prima riunione in Autorità Portuale con gli operatori portuali per definire come assicurare la continuità dello scalo dopo il crollo del ponte Morandi dell'autostrada A15, che ha interrotto il collegamento tra Levante e Ponente della Liguria.


Genova porto Lanterna accesso camionIl crollo del viadotto Polcevera colpisce anche le attività del porto di Genova, che movimenta oltre due milioni di teu l'anno e migliaia di rotabili delle autostrade del mare. Per affrontare l'emergenza, l'Autorità Portuale ha convocato il giorno dopo l'evento tutti gli operatori per definire una strategia che assicuri continuità allo scalo. Il primo problema da affrontare riguarda la viabilità di accesso ai due bacini portuali del VTE e di Sampierdarena e i collegamenti interni tra i due bacini stessi.
Un primo provvedimento proposto dal presidente dell'ASP, Paolo Signorini, è aumentare l'attività dei terminal nelle ore serali, così da far viaggiare i camion quando cala il traffico delle autovetture in città. In un primo momento si era parlato anche far circolare i veicoli pesanti la notte, ma gli autotrasportatori hanno segnalato che ciò pone gravi problemi operativi e causa un aumento dei costi.
Gli autotrasportatori hanno presentato diverse alternative per la circolazione dei veicoli pesanti, tra cui dedicare ai camion una corsia delle tre per senso si marcia di via Guido Rossa (ora parzialmente vietata ai veicoli pesanti) o di usare la viabilità interna dello stabilimento Ilva per raggiungere il casello autostradale di Genova Aeroporto.
Un altro problema riguarda le connessioni di Genova con la rete autostradale nazionale e internazionale. Dopo il crollo del viadotto Polcevera, Genova è esclusa perché il traffico che attraversava la Liguria è stato deviato sulle autostrade Gravellona-Toce e Torino-Piacenza. Ciò significa che le merci che fanno capo al porto e che sono dirette verso Toscana ed Emilia-Romagna devono allungare il percorso di oltre 120 chilometri, mentre quelle per Spagna e Francia devono allungarlo di 70 chilometri. Una prospettiva che potrà causare lo spostamento dei traffici verso altri porti.
Finora l'impatto del crollo del ponte Morandi sul traffico cittadino e su quello dei veicoli industriali che fanno capo al porto è limitato, a causa delle vacanze estive. Ma il 27 agosto la città riprenderà pienamente tutte le attività e l'obiettivo è arrivare a quella data con un piano della viabilità che possa ridurre i prevedibili disagi sia per le autovetture, sia per i veicoli industriali.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1889

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed