TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Deserta l’asta per la vendita della flotta RBD Armatori

E-mail Stampa PDF

Nessun acquirente per la compagnia campana, mentre il comitato dei creditori ha anche rifiutato l'offerta da 185 milioni di dollari presentata da Pillarstone per sette navi.


RDB Armatori rinfusiera navigazioneL'asta fissata per martedì 24 luglio 2018, che avrebbe dovuto portare alla vendita del ramo shipping di Rbd Armatori, non si è tenuta poiché nessuna offerta è prevenuta al Tribunale di Torre Annunziata entro il termine del 19 luglio alle ore 12.00. L'offerta comprendeva tredici navi più il personale marittimo e di terra e il prezzo minimo era stato fissato in 200 milioni di dollari. Secondo quanto riportano fonti vicine al dossier né Pillarstone Italy, il fondo di turnaround fondato da Kkr Capital che ha in mano un'ampia fetta dei crediti dell'azienda rilevati da alcune banche, né Augustea Atlantica si sono fatte avanti e attendono di vedere come evolverà la situazione con la prossima asta.
Pillarstone, però, si è appena vista rifiutare dal comitato dei creditori e dai curatori un'offerta presentata a inizio giugno per rilevare 7 delle 13 navi in vendita al prezzo di 185 milioni. A complicare la vendita ci sarebbero diversi fattori, tra cui l'opposizione legale avviata dallo stesso fondo nei confronti dei curatori e del comitato di creditori, nonché il crollo del mercato delle navi cisterna che renderebbe meno attraente l'acquisto della flotta al prezzo di 200 milioni stabilito a metà maggio dal Tribunale. L'interesse di Augustea viene comunque dato per certo anche perché la compagnia marittima partenopea è stata l'unica ad aver ispezionato tutte le tredici navi nel periodo di tempo consentito.
RBD Armatori è stata dichiarata fallita dopo aver accumulato debiti con le banche per quasi 900 milioni di euro, con un passivo di bilancio che supera quota 1,1 miliardi e ancora oggi garantisce lavoro a circa 400 persone (inclusi i marittimi a bordo delle navi). Esattamente un anno fa Pillarstone aveva rilevato la maggioranza dei crediti della shipping company di Torre del Greco acquisendo da Banco di Napoli (Intesa Snpaolo), da MPS e da MPS Capital Services crediti incagliati del valore nominale di 560 milioni di euro e andando così a fare compagnia a Goldman Sachs e a Deutsche Bank, che a loro volta avevano rilevato rispettivamente NPL per 208 milioni (da Unicredit e GE Capital) e 51 milioni (da Banco Popolare). Attualmente questi tre investitori finanziari hanno in mano l'ampia maggioranza dei crediti della società. Spetterà ora ai curatori fallimentare decidere quando e come procedere con un nuovo avviso per la cessione degli asset di proprietà di RBD Armatori.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 3113

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed